Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, processionaria e topi al liceo Enrico Fermi
Gli studenti: «Chiediamo soltanto un posto sicuro»

Questa mattina, gli allievi dell'istituto di corso del Popolo hanno protestato davanti ai cancelli per denunciare le condizioni in cui versa l'immobile. La derattizzazione sarebbe stata effettuata, ma sull'insetto che infesta gli alberi le risposte sono lontane

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Protesta, questa mattina, da parte degli studenti del liceo scientifico Enrico Fermi di Paternò, che davanti alla sede dell’istituto di corso del Popolo si sono riuniti per chiedere una scuola sicura. I ragazzi e le ragazze denunciano la presenza di processionaria sugli alberi attorno alla scuola, nonché di topi all'interno dell'istituto. L'insetto, in particolare, è particolarmente pericoloso per via delle peluria urticante di cui è ricoperto il suo corpo, che può causare reazioni allergiche anche gravi. Una serie di manifesti («Noi vogliamo il Fermi sicuro», «Attenzione, pericolo processionaria» e «Scuola al top(o)») sono stati posizionati all'ingresso dell'istituto, che ha inviato in meno di due mesi cinque solleciti agli uffici della ex provincia regionale di Catania: quattro in merito alla processionaria e uno a proposito dei topi. Ma la Città metropolitana, secondo i manifestanti, non sarebbe intervenuta in modo tempestivo.

«In realtà la derattizzazione è avvenuta nei giorni scorsi - spiega Rosa Bucolo, vicepreside del Fermi - Sulla processionaria, invece, ieri è stato effettuato un primo sopralluogo. Tra dirigenti e studenti c'è molto dialogo e, soprattutto, unità d'intenti. Nonostante questo, i ragazzi oggi risultano assenti e lunedì dovranno presentare la giustificazione per non essere entrati a scuola». «La nostra protesta - replicano gli allievi - è obbligata: la situazione è pericolosa». A parlare è Francesca Scuto, rappresentante d'istituto. «Vogliamo semplicemente studiare in un posto sicuro, e la ex provincia finora è stata inefficace». Sulla stessa lunghezza d'onda Ettore Risicato, rappresentante alla Consula provinciale: «Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni. La scuola ha fatto il possibile, tutti gli altri no».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×