Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Grammichele: gioielliere denuncia racket, 3 arresti
Le minacce: «Se non ci dai collane, ti finisce male»

Antonino e Rosario Amoroso e Massimo Michele Grosso, tutti grammichelesi, si erano presentati nel negozio con una scusa. Da quel momento avrebbero iniziato a pretendere somme sempre più esose e gioielli, per il valore di migliaia di euro

Redazione

La manovra di avvicinamento era stata piuttosto semplice: in tre si erano presentati in gioielleria, a Grammichele, pretendendo che il titolare dell'esercizio commerciale restituisse loro alcuni oggetti in oro che sarebbero stati rubati dall'abitazione di uno di loro e che sarebbero stati rivenduti proprio in quel negozio. Una scusa come un'altra per pretendere dal gioielliere che pagasse addirittura ottomila euro, a titolo di risarcimento danni. È con l'accusa di estorsione aggravata in concorso che i carabinieri della compagnia di Caltagirone hanno arrestato i fratelli Antonino e Rosario Amoroso (rispettivamente classe 1986 e 1990) e Massimo Michele Grosso (classe 1982), tutti grammichelesi.

Massimo Michele Grosso (classe 1982)

Rosario Amoroso (classe 1990)

Antonino Amoroso (classe 1986)

La storia comincia il 22 febbraio 2019, quando i tre sarebbero entrati nella gioielleria pretendendo gli ottomila euro a mo' di rimborso per un presunto danno subito. Al diniego del titolare i tre sarebbero diventati aggressivi e minacciosi, tanto che l'uomo avrebbe consegnato loro più di 30 grammi di oro e circa cinquecento euro in contanti. Gli uomini, poi, avrebbero preteso altri gioielli dal commerciante il quale, però, sarebbe riuscito a rimandarli al giorno seguente. La mattina del 23 febbraio, puntuali, i tre sarebbero tornati: la richiesta era due collane in oro, più altri gioielli. Nello specifico: un bracciale.

Tre giorni dopo, il 26 febbraio 2019, la vittima «ormai completamente assoggettata e intimorita» sarebbe stata costretta a presentarsi a casa di uno dei tre. In quella occasione, alla presenza della sua compagna, uno dei due pregiudicati «brandendo una spada» avrebbe urlato «Ti ammazzo», ordinandogli di preparare almeno 300 grammi di oro da consegnare nel giro di poche ore in gioielleria. 

A questo punto la vittima ha deciso di rivolgersi ai carabinieri. Così i militari hanno predisposto un servizio di osservazione, sono stati arrestati in flagranza Massimo Michele Grosso e Antonino Amoroso. I due sono stati catturati all'uscita dal negozio, con ancora addosso gli oggetti in oro. Il 7 marzo, a seguito di una richiesta di misura cautelare presentata dalla procura, il giudice del tribunale di Caltagirone ha stabilito gli arresti domiciliari nei confronti del terzo complice: Rosario Amoroso. «Invito le vittime del racket a seguire il coraggioso esempio del commerciante di Grammichele», ha detto il procuratore capo Giuseppe Verzera.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×