Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Teatro Bellini occupato dalle maestranze precarie

Redazione

Occupato. Da questa mattina alle 6 il Teatro Massimo Bellini di Catania è occupato dai lavoratori precari, le cosiddette maestranze, dello stesso Ente. Una scelta eclatante per richiamare l'attenzione di tutti su quanto sta accadendo nella gestione del Teatro più rappresentativo della città di Catania. "Siamo di fronte a un tentativo di affossamento del Bellini che va avanti da troppi anni e che nonostante i tanti proclami, si aggrava sempre più - afferma il segretario regionale del sindacato Snalv, Confsal, Antonio Santonocito -. Da una parte abbiamo una ventina di lavoratori tenuti in uno stato di precariato cronico senza motivo apparente, dall'altro i fondi regionali per il funzionamento del Teatro vengono decurtati sempre più. Non si tratta di un caso, ma un preciso piano di distruzione del Teatro dedicato all'illustre catanese Vincenzo Bellini", dice Santonocito.

L'ennesima promessa di stabilizzazione è dello scorso dicembre. L'assessore regionale Pappalardo parlava allora della possibilità di iniziare la stabilizzazione già l'indomani dell'incontro con i lavoratori e il sindacato che li rappresenta, ma per l'ennesima volta siamo di fronte a delle promesse non mantenute. Soprintendente e Assessore inoltre, dicono cose contrastanti. Sembrano avere entrambi ragione, ma alla fine ciò che regna è soltanto la confusione e i lavoratori si sentono fortemente presi in giro. Non solo. L'Ars ha anche decurtato i trasferimenti. "È la riprova che la politica regionale vuole affossare il Teatro Bellini. L'assessore Pappalardo ha ancora una volta, immeritatamente, ha preso in giro i lavoratori che hanno garantito la sopravvivenza del Teatro", afferma ancora Santonocito. Siamo ben lontani dalla stabilizzazione attraverso la legge Madia, tanto chiesta quanto promessa, come siamo lontani dall'avere stanziati i soldi necessari all'attività del Teatro, ecco perché i precari hanno deciso di occupare.

(Fonte: Ufficio stampa Snalv Confsal - Sindacato nazionale autonomo lavoratori)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×