Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Policlinico, stop alle visite nel reparto di Cardiologia
«Niente più primo livello, si vada dai convenzionati»

«È mai possibile che non si possa fare affidamento su un ospedale pubblico?». Vincenzo racconta a MeridioNews la storia di suo padre, cardiopatico, 69 anni. A cui, come a tutti i pazienti non gravi, sono stati annullati gli appuntamenti 

Luisa Santangelo

«È mai possibile che non si possa fare affidamento su un ospedale pubblico?». Vincenzo è sconfortato. Ha 35 anni e pochi giorni fa suo padre, 69 anni, cardiopatico, ha ricevuto una telefonata dal reparto di Cardiologia del Policlinico di via Santa Sofia. «Gli hanno comunicato che la sua visita, che era prevista per inizio settimana, era stata annullata. Perché, gli hanno detto, in reparto non fanno più attività ambulatoriali di questo genere». Cioè quelle di «primo livello», vale a dire utili per la diagnosi e per i controlli più semplici. Che niente hanno a che vedere con il «secondo livello», che definisce esami approfonditi e complessi. Il cambiamento di indirizzo del reparto, diretto dal professore Corrado Tamburino, è avvenuto la scorsa settimana: impossibile, fanno sapere dal Policlinico, gestire tutte le visite che si facevano in precedenza e i flussi che arrivano dal pronto soccorso inaugurato a novembre. «Troppi pazienti, siamo pieni», continuano.

«Negli ultimi dieci anni - prosegue il racconto di Vincenzo - mio padre è sempre stato seguito in ospedale». Prima al Ferrarotto, da poco meno di un anno - con il trasferimento dei reparti al Policlinico. Dove deve recarsi a intervalli regolari per verificare che la sua cardiopatia sia sotto controllo. «Fino a questo momento non abbiamo avuto problemi - aggiunge - Poi è arrivata la telefonata e l'invito a rivolgerci agli ambulatori convenzionati». Cioè strutture private che lavorano per conto dell'Asp di Catania. In tutta la provincia, in totale, sono 22. Ai quali è possibile accedere prenotando tramite il numero verde. «È un po' complicato, però, trovare strutture in cui le liste d'attesa non siano, per forza di cose, più lunghe rispetto all'appuntamento che avevamo già preso. Senza considerare che, dopo dieci anni, i medici dell'ospedale conoscono bene la situazione di mio padre. Non sto dicendo che sia un problema insormontabile, solo che non ci è stato spiegato il perché». A tentare di telefonare a Cardiologia per avere spiegazioni, poi, ci si scontra con una rubrica non aggiornata sul sito ufficiale: i numeri presenti sulla pagina dedicata sono ormai disattivati. E dovrebbero essere sostituiti con le nuove utenze telefoniche. 

«Tutto ciò che è primo livello va fatto sul territorio», replica a MeridioNews Antonio Lazzara, direttore sanitario del Policlinico. Laddove per «territorio» si intendono, appunto, le cliniche e gli ambulatori che con l'Azienda sanitaria provinciale hanno una convenzione. «È inutile oberare gli ospedali con visite ed esami che non necessitano del livello di specializzazione dei reparti - sostiene - Noi garantiamo l'attività ambulatoriale nel caso di pazienti gravi o di esami disposti dagli specialisti, non possiamo occuparci anche della prima fase dell'assistenza». Anche perché, dice il personale dell'ospedale, le forze sono quelle che sono e il personale in servizio non riesce a fare tutto. «Non c'è una direttiva regionale a proposito delle visite di primo e secondo livello - interviene Mario La Rocca, dirigente regionale dell'assessorato alla Salute - semplicemente, il nostro indirizzo è quello di riportare l'attività degli ospedali ai setting corretti».

Un ritorno ai «setting» accelerato dal flusso di pazienti che arriva dal reparto di emergenza di via Santa Sofia, e che certamente non è paragonabile a quello che veniva gestito in assenza del pronto soccorso. «Se, fino a qualche tempo fa, il nostro reparto si occupava anche del primo livello era esclusivamente perché si offriva una possibilità in più ai pazienti - aggiunge Lazzara - È chiaro che, nel momento in cui c'è un picco di utenza, è necessario ottimizzare il servizio e garantire la piena funzionalità a chi si occupa di emergenza». «E così noi dobbiamo andare a rivolgerci ai privati, anche se convenzionati», sospira Vincenzo. L'elenco degli ambulatori di Cardiologia convenzionati con l'Asp di Catania, suggeriscono dal Policlinico, è online sul sito del sindacato dei medici accreditati: è stato pubblicato lo scorso 19 febbraio, pochi giorni prima che i pazienti venissero avvisati dell'annullamento delle visite.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×