Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Convenzione per imprese tra Fipe e Difesa e giustizia

Redazione

Il Presidente Regionale FIPE Confcommercio Sicilia Dario Pistorio e l’Avv. Massimo Ferrante, Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Difesa e Giustizia”, hanno siglato una convenzione quadro su tre importanti tematiche che consentirà, agli associati dell’Isola di poter conoscere tutte le opportunità legate alle seguenti questioni:

1. Esercizi commerciali che sono stati vittime di estorsioni e/o usura;
2. Problematiche legate all’accesso al credito (banche, finanziarie, fisco) ed ai gestori di servizi essenziali;
3. Gestione della crisi da sovra – indebitamento (legge n. 3/2012)

Molti esercizi commerciali, spesso, sono all’oscuro delle possibilità offerte dalla normativa statale e regionale che tutelano le vittime di estorsioni, dell’usura, dei reati di stampo mafioso e dall’accesso al Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso.
In particolare sono previsti una serie di benefici, economici ed amministrativi, a favore delle vittime dei reati suddetti quali:

- una elargizione per il ristoro dei danni a beni mobili o immobili, delle lesioni personali subite (anche di tipo psicologico), del danno subito sotto forma di mancato guadagno inerente all'attività economica esercitata, anche in conseguenza di situazioni di intimidazione ambientale.
- proroghe e sospensive per il pagamento dei ratei dei mutui bancari e ipotecari;
- sospensione temporanea dei termini per l'esecuzione dei provvedimenti di rilascio di immobili e i termini relativi a processi esecutivi mobiliari ed immobiliari, ivi comprese le vendite e le assegnazioni forzate.
- proroga per tre anni dei termini di scadenza degli adempimenti fiscali.
- Inoltre, a seguito dei danni subiti ed all’esito dei procedimenti penali, è possibile chiedere il risarcimento del danno morale e dei danni patrimoniali.

La convenzione, inoltre, consentirà alle imprese aderenti alla FIPE, di poter affrontare tutte quelle problematiche, legate a piccoli o grandi disservizi, da parte di fornitori di servizi essenziali (fornitori elettrici, operatori telefonici etc. etc.), o da parte di istituti bancari e/o finanziarie, dell’INPS, dell’INAIL, dell’Agenzia delle Entrate, da parte di Riscossione Sicilia, o dalla stessa P.A.
Inoltre, per tutte quelle imprese che si trovano in condizioni di difficoltà economiche, dovute all’impossibilità di adempiere a tutti i debiti (mutui, prestiti, imposte, tasse, cartelle esattoriali etc. etc.) con riferimento alla questione del sovra – indebitamento, l’Associazione Difesa e Giustizia, svolgerà attività di consulenza sulle possibilità concesse dalla legge n. 3/2012 o meglio conosciuta come “salva suicidi”.
Contattando difesaegiustizia@libero.it o telefonando al numero 366/2010651, si potrà fissare un incontro senza impegno di spesa e nel rispetto della massima riservatezza.

(Fonte: comunicato stampa Fipe Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews