Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Cassazione annulla i domiciliari al sindaco di Bronte
Graziano Calanna torna libero dopo oltre cento giorni

Il primo cittadino era stato coinvolto nell'operazione Aetna della guardia di finanza sull'impero di Francesco Russo Morosoli. A tirare in ballo il politico alcune intercettazioni in cui altri indagati commentavano una presunta istigazione alla corruzione

Dario De Luca

La parola fine l'ha messa la sesta sezione della corte di Cassazione nella tarda serata di ieri. Annullando, senza rinvio, l'ordinanza del tribunale del Riesame e quella del giudice per le indagini preliminari. Così il sindaco di Bronte Graziano Calanna torna libero «con effetto immediato». Trascorsi poco più di cento giorni agli arresti domiciliari, nell'ambito dell'operazione Aetna della procura di Catania. Il politico che proprio oggi compie 48 anni, difeso dagli avvocati Carmelo Peluso e Mariella Mirenda, rimane indagato per istigazione alla corruzione e subito dopo la retata della guardia di finanza era stato sospeso dal suo incarico su disposizione del prefetto di Catania Claudio Sammartino. A tirare in ballo Calanna erano state alcune telefonate intercettate durante le fasi di un'inchiesta più complessa. La stessa che ha svelato un presunto giro di corruzione per la gestione monopolistica del turismo sull'Etna da parte dell'imprenditore Francesco Russo Morosoli

Il nome di Calanna era finito al centro di una conversazione intercettata nei primi giorni di febbraio dello scorso anno. A parlare erano Concetto Bellia, ex presidente del Parco dell'Etna ed ex sindaco di Castiglione di Sicilia, e l'imprenditore Sebastiano Musmeci. Insieme si stavano occupando di un progetto privato riguardante il Comune di Bronte, ovvero l'istallazione di alcune centrali idroelettriche lungo le condotte idriche della cittadina pedemontana. «Mi è stato chiesto di incrementare l'importo con un voce aggiuntiva, per dare una consulenza esterna a qualcuno di fiducia, non nostra, ma del sindaco», raccontava Musmeci a Bellia riferendosi alla proposta che gli sarebbe stata avanzata dal sindaco Calanna. Nella ricostruzione degli inquirenti quelle parole sarebbero state l'input decisivo per tratteggiare la condotta del primo cittadino. Intenzionato a gonfiare i costi tramite un incarico da 20mila euro. 

Davanti al giudice per le indagini preliminari Calanna aveva rigettato ogni accusa. Spiegando senza giri di parole di «non avere mai chiesto utilità illecite per sé o per i propri amici e dimostrando come nel particolare caso di finanza di progetto, la ipotizzata condotta di istigazione alla corruzione sarebbe stata del tutto impraticabile». In particolare, riferiscono i suoi legali, ha dichiarato di «avere manifestato l'interesse pubblico all'opera, esaurendo gli atti di sua competenza perché ogni ulteriore approvazione sarebbe stata appannaggio del consiglio comunale di Bronte».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×