Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Capuana, il 13 maggio il giudizio immediato
L'arcangelo, il sacerdote e l'onorevole alla sbarra

Il giudice Simone Ragazzi ha accolto la richiesta presentata dai difensori anche per le tre presunte fiancheggiatrici Scarpignato, Raciti e Giuffrida. I presunti abusi, coperti dalla setta, avvenivano su ragazzine dai 13 ai 15 anni

Redazione

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

Il giudice per l'udienza preliminare di Catania, Simona Ragazzi, ha accolto la richiesta di accesso al processo immediato avanzata da quattro degli indagati per cui la Procura aveva chiesto il rinvio a giudizio nell'inchiesta 12 apostoli per presunti abusi sessuali su minorenni consumati in una comunità di ispirazione cattolica. Lo rendono noto le agenzie. Tra loro c'è il santone Pietro Capuana, 75enne bancario in pensione, capo dell'associazione cattolica Cultura e Ambiente, che avrebbe abusato di ragazzine tra i 13 e i 15 anni, in alcuni casi con la complicità delle madri delle vittime. 

Con lui saranno processate il 13 maggio, davanti alla seconda sezione penale del tribunale, anche tre presunte fiancheggiatrici: Katia Concetta Scarpignato, di 59 anni, Fabiola Raciti, di 57, e Rosaria Giuffrida, di 59. Secondo l'accusa, gli abusi erano presentati come purificazione compiuti da un «arcangelo» reincarnato, plagiando le ragazze. «Abbiamo voluto subito il processo - ha spiegato uno dei difensori, l'avvocato Mario Brancato - per fare chiarezza e dimostrare la loro innocenza». 

Lo stesso giorno, il 13 maggio, dovranno comparire davanti al gup Ragazzi gli altri tre indagati. Per loro la procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio per favoreggiamento. Si tratta dell'ex deputato e assessore regionale Mimmo Rotella, marito di Rosaria Giuffrida, il sacerdote Orazio Caputo e l'ex presidente dell'associazione, Salvatore Torrisi. Dalle intercettazioni della polizia postale di Catania emergerebbe che il sacerdote avrebbe appreso, nel segreto della confessione, delle indagini avviate su una denuncia per abusi sessuali e avrebbe avvisato dell'attività in corso Torrisi e Rotella. Nell'inchiesta sono confluiti gli incidenti probatori con gli interrogatori delle vittime. La richiesta di rinvio a giudizio è stata firmata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall'aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Agata Consoli.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×