Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Arsea, l'ente fantasma della Regione Sicilia
Lombardo nomina direttore un fedelissimo

Creata nel 2006, l'agenzia regionale si sarebbe dovuta occupare di facilitare lo smistamento dei fondi europei per gli agricoltori. Tre dipendenti, un primo direttore generale nel 2009, eppure non è mai entrata in funzione. Tra promesse di abolizione e cifre in bilancio esorbitanti, il 15 giugno il governatore nomina il nuovo dirigente: Claudio Raciti, consulente dell'impresa agricola della moglie di Lombardo Saveria Grosso ed ex candidato Mpa, con uno stipendio previsto da 160mila euro l'anno

Claudia Campese

«La mattina mi alzo alle tre e mezza. Mi hanno chiesto 21.500mila euro di Imu per la mia campagna. Siamo in recessione, a me chiedete queste cifre e poi esistono questi sprechi? Non ci siamo». E' arrabbiato Corrado Vigo, agronomo e blogger siciliano. Sul suo spazio on line, Vigopensiero, ha pubblicato in cinque puntate La favola della gallina dalle uova d'oro: l'Arsea, emanazione regionale dell'Agea, ente pagatore nazionale che si occupa di smistare agli agricoltori gli aiuti e i contributi provenienti dalla comunità europea. Un apparato fantasma, quello siciliano, mai entrato in funzione ma per cui il 15 giugno scorso il governatore Raffaele Lombardo ha nominato un nuovo dirigente: Claudio Raciti, agronomo di famiglia del presidente, a cui adesso spetta una indennità di circa 160mila euro all'anno. Uno spreco lungo sei anni e cominciato dal suo predecessore, l'ex governatore Totò Cuffaro. Tra finte marce indietro e cifre in bilancio esorbitanti.

La favoletta inizia nel 2006 quando la Regione Sicilia, così come altre d'Italia, decide di istituire una emanazione autonoma dell'Agea: l'Arsea. «Un'idea che non era sbagliata - commenta Vigo - E che serviva a facilitare il rapporto tra gli agricoltori e l'ente nazionale, troppo lontano». Ma, nella maggior parte dei casi, l'esperimento si rivela disastroso. «Perché le Regioni, attraverso i loro enti autonomi dovevano anticipare i soldi che poi sarebbero stati restituiti dall'Agea - spiega Vigo - Un impegno troppo oneroso in tempi di crisi». Ma la Regione Sicilia decide comunque di provarci e, per fare funzionare l'ente, prevede due sedi - a Palermo e a Catania - e 91 dipendenti. Una decina di dirigenti, diversi impiegati e due autisti nel capoluogo palermitano; tre dirigenti e ancora vari impiegati, ma senza autisti, nella città etnea. Ma non se ne fa niente: i lavoratori restano solo tre, «per un'agenzia mai entrata in funzione».

«Un'inutilità, eppure nessuno pensa ancora ad abolirla», continua Vigo. Nel 2009, anzi, il nuovo presidente della regione Raffaele Lombardo, subentrato a Cuffaro, nomina un primo direttore generale per l'Arsea: Ugo Maltese. Per lui è prevista un'indennità di circa 170mila euro l'anno a fronte di un incarico in un ente fantasma. Scoppia la polemica e Lombardo fa un passo indietro. Nel 2010, in clima di austerity, annuncia il taglio dell'Arsea e il ritorno delle competenze all'Agea. Ma nel bilancio regionale dello stesso anno vengono previsti per l'agenzia 800mila euro. Confermati per il 2011. Il governatore rassicura ancora tutti: «Ho parlato col dirigente generale Ugo Maltese il quale, con grande senso di responsabilità, ha deciso di rassegnare le sue dimissioni - dichiara - E comunque voglio precisare che ancora nemmeno un euro è stato speso per quell'agenzia». Che, intanto, rimane sempre un ramo secco dell'amministrazione regionale.

Il governatore Lombardo annuncia intanto le sue dimissioni, previste per luglio. Prima, però, vuole forse tentare il recupero dell'esperimento. E nomina, nei mesi scorsi, un nuovo direttore regionale dell'Arsea. Ruolo formalizzato nella gazzetta ufficiale del 15 giugno 2012. E' Claudio Raciti, già consulente dell'impresa agricola della moglie del presidente regionale Saveria Grosso e candidato alle elezioni regionali del 2008 con l'Mpa - partito fondato da Lombardo - ma non eletto. Per lui è prevista la retribuzione minima dei dirigenti regionali, cioè poco più di 160mila euro annui. «Altro che favola - conclude Vigo - E' una presa in giro».

 

[Foto di lorca56]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews