Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Belpasso: parlano nuovi pentiti, indagati in tre
Coinvolti gli accusati dell'omicidio Caponnetto

A Gaetano Doria, Stefano Prezzavento e Rosario La Rosa vengono adesso contestate due rapine aggravate nei confronti di altrettanti autotrasportatori e un danneggiamento con incendio ai fini estorsivi. Tutti fatti del 2015

Redazione

Un'ordinanza cautelare per tre indagati è stata eseguita dai carabinieri dopo le dichiarazioni di nuovi collaboratori di giustizia tra i 15 destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare emessa il 4 maggio 2017 per l'operazione Araba fenice 3, contro il gruppo di Belpasso indicato come articolazione della famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. I destinatari del provvedimento sono Gaetano Doria, 50 anni, e Stefano Prezzavento, di 34, già accusati dell'omicidio dell'imprenditore agrumicolo Fortunato Caponnetto, ucciso l'8 aprile 2015, e già detenuti; e Rosario La Rosa, di 41 anni, già condannato insieme agli altri due per l'estorsione alla Lavica marmi di Belpasso, e agli arresti domiciliari.

Ai tre, grazie alle affermazioni dei neo-pentiti, vengono contestate due rapine aggravate nei confronti di altrettanti autotrasportatori (commesse il 14 gennaio e il 3 febbraio 2015), nonché un danneggiamento seguito da incendio, per finalità estorsive, di due escavatori di una ditta specializzata nel movimento terra (fatto, quest'ultimo, avvenuto l'11 agosto 2015). Gli ordini di custodia cautelare emessi dal giudice per le indagini preliminari di Catania, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, sono stati eseguiti da carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale. E sono stati notificati nel carcere di Siracusa a Doria e in quello di Catania a Prezzavento. La Rosa, invece, è stato trasferito dagli arresti domiciliari all'istituto penitenziario di Bicocca

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×