Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Cantico di Antonio Presti prende vita a Librino
I volti degli abitanti diventano una foto-preghiera

Oltre mille scatti ritraggono uomini e donne della periferia catanese accompagnate dalla preghiera più popolare di San Francesco d'Assisi. Chi passerà dal cavalcavia diventato opera d'arte potrà «ricollegarsi all’universale», promette il mecenate di Tusa

Redazione

Sono terminati i lavori dell'ultimo progetto della Fondazione Fiumara d’Arte a Librino. La preghiera più popolare di San Francesco d’Assisi si dipana attraverso oltre mille banner dove il cemento, finora, ha avuto il significato di emarginazione e disagio sociale. Adesso invece il cavalcavia di viale Librino, e non solo, si è acceso grazie ai sorrisi e ai volti degli stessi abitanti della periferia di Catania. Più di mille foto «testimonianze contemporanee di Amore e Speranza» che ritraggono le stagioni della vita lungo quell'asse attrezzato che, da simbolo negativo, diventa «rinascita» artistica. Si tratta del nuovo regalo di Antonio Presti al quartiere che, già da anni, è il palcoscenico del suo mecenatismo orientato a ottenere il «cambiamento» sociale e culturale.

Sempre su viale Librino esista già da più di dieci anni la Porta della Bellezza - costruita da 15 artisti, duemila mamme e duemila bambini per dodici opere monumentali realizzate con 9mila pezzi di terracotta - divenuta «vera e propria agenzia educativa nel deserto spirituale delle larghe vie della periferia». Sull'altra faccia del cavalcavia, da quest'anno, vivrà Il Cantico di Librino, progetto che ha coinvolto 10 fotografi e migliaia di cittadini. Ai loro volti, Presti ha voluto affiancare le parole del Cantico delle creature di San Francesco. Nasce «un polo artistico che ha dato a tutti i cittadini la consapevolezza di far parte di un più ampio progetto di rinnovamento», spiegano dalla Fondazione ispirata dal mecenate di Tusa.

«Abbiamo finalmente concluso il percorso - sottolinea Presti - i muri del quartiere ora parlano la lingua dell’unione, nutrendo l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti, senza distinzione alcuna, della stessa eternità». L'opera verrà ufficialmente inaugurata lunedì 25 marzo alle 10.30. «Metterci la faccia per noi è stato importante - commenta Mariolina Blanco, abitante del quartiere e protagonista del Cantico - quest’iniziativa dà luce a Librino e da quest’opera noi desideriamo ripartire per rinascere e per combattere quella mentalità imperante, da sempre ostaggio di sfiducia». Il mecenate aggiunge, riguardo l'interpretazione di volti e parole di San Francesco: «Nomen omen, il destino è nel nome di chi è stato ribattezzato grazie al Cantico e oggi in quell’appellativo o in quell’aggettivo si rispecchia e trova una nuova identità come Cielo sereno, Luna raggiante, Acqua Preziosa». Chi passerà da lì, sottolinea Presti, dovrà «scollegarsi dall’ordinario per ricollegarsi all’universale, il Cantico serve a restituire sacralità al presente annientando la logica dell'avere e del potere».

L’installazione fotografica, che s’innesta nel più grande progetto del Museo dell’Immagine e dell’Arte Contemporanea di Librino, è stata realizzata grazie al contributo dei fotografi Arianna Arcara, Luigi Auteri, Valentina Brancaforte, Cristina Faramo, Claudio Majorana, Alessio Mamo, Orazio Ortolani, Maria Sipala, coordinati dal catanese Antonio Parrinello, con la straordinaria partecipazione del rinomato fotografo franco-iraniano Reza Deghati e del fratello e collega Manoocher.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews