Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Torre Alessi, potati gli oleandri
Un lettore: «Così rischiano di morire»

Un cittadino segnala la potatura radicale degli alberi in zona Cibali da parte del Comune di Catania. «In periodo di fioritura, per lasciare spazio alle macchine sui marciapiedi», denuncia. La posizione degli enti che agiscono sul territorio in casi come questi è già nota: «Meno alberi ci sono sulle strade e meglio è». Guarda le foto

Redazione

Gli oleandri di via Torre Alessi, a Catania, tagliati drasticamente per lasciare posto alle automobili parcheggiate sul marciapiede. Lo segnala un lettore sulla bacheca Facebook di CTzen. Secondo il cittadino, una potatura così drastica e per di più in questo periodo sarebbe letale per le piante. «Potare gli oleandri a giugno, in piena fioritura, è ucciderli», scrive. A causare l'intervento di ieri mattina di giardinieri e tecnici del Comune etneo, i continui reclami dei residenti della zona. La rigogliosa chioma infiorata degli alberi, infatti, causava non pochi problemi di visibilità dalle abitazioni e disagi per le auto in sosta, sporcate da foglie e resina. «Non potevano sradicarli e hanno fatto così - lamenta il lettore - Adesso la strada è libera dai fiori ma non dalla plastica, e dai balconi è più facile guardare la propria macchina assolata sul marciapiede».

 

Ma, nonostante il taglio così radicale, gli oleandri di via Torre Alessi non sarebbero in pericolo. Ad assicurarlo è Stefano La Malfa, ricercatore agrario di Arboricultura all'Università di Catania: «Non è il periodo adatto, ma gli alberi non moriranno». Niente paura quindi per la chioma e fiori, che si riprenderanno presto. «Non è una tolettatura, una potatura è sempre drastica - spiega l'esperto - ma gli oleandri sono piante quasi infestanti, che ricrescono con molta facilità».

La decisione spettava comunque al Comune. «Se ci sono motivazioni tecniche importanti che richiedono la potatura degli alberi, specie lungo le strade, prevalgono sempre a prescindere dai periodi», conclude il ricercatore. Al riguardo si spera che la posizione dell'amministrazione etnea non sia simile a quella della Provincia, che nel caso della moria di eucalipti di viale Kennedy sosteneva: «Per noi, meno alberi ci sono sulle strade e meglio è», spiegava Carmelo Caltabiano.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×