Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nesima, i cassonetti volati nel centro direzionale
«È inciviltà a tutti i livelli: dai residenti alla ditta»

Orari di conferimento non rispettati, differenziazione inesistente e una buona dose di maleducazione. Ma ci sono anche le difficoltà oggettive: la sparizione delle campane per il vetro e i bidoni crollati nella sciàra con il vento. Guarda le foto

Redazione

«Quei cassonetti? Sono così dai giorni di forte vento all'inizio della settimana». L'indignazione sembra avere lasciato il posto all'abitudine. A parlare con MeridioNews è una cittadina che vive tra via Damiano Chiesa e via Cave Villarà. Un isolato di palazzi residenziali al confine tra i quartieri di Cibali e Nesima, dai cui balconi si vede un'area verde ancora incontaminata: quella che, secondo il vecchio piano regolatore generale (ancora in vigore), avrebbe dovuto lasciare il posto al centro direzionale Cibali. Adesso, mentre la primavera fa il suo lavoro e colora di verde quegli ettari, a ridosso della recinzione è il vento ad averla fatta da padrone: un cassonetto della raccolta differenziata della plastica e uno della carta - peraltro, quelli nuovi installati col marchio Dusty - sono stati spinti giù e sono bloccati dalla rete di ferro che delimita l'area privata. Tutto attorno, intanto, si accumula la spazzatura. Gettata oltre gli orari e i giorni di conferimento previsti dall'amministrazione.

«La colpa di questo schifo è di tutti, l'inciviltà è su tutti i livelli: dai cittadini al Comune, passando per l'azienda - prosegue la cittadina - Nessuno rispetta gli orari e la spazzatura viene buttata in ogni momento. Certo è, poi, che quando uno vede i cassonetti crollati e mai recuperati, per giorni, non è che pensa di essere il primo problema. Lo sa come si dice, no? Il pesce puzza dalla testa». Come a dire: se l'amministrazione e la ditta non controllano che le cose funzionino, e che i cassonetti stiano al loro posto e se rotti vengano sostituiti, che esempio viene dato ai cittadini? «Io non penso che, in una condizione di degrado, allora sia lecito lasciare i sacchetti dove capita. Dico solo che l'impressione è quella del completo abbandono. Senza contare, poi, che anche fare la differenziata è un'impresa».

In via Damiano Chiesa, oltre ai due cassonetti crollati, ce ne sono altri sette: cinque neri, tutti senza coperchio e senza indicazioni di conferimento, usati per l'indifferenziato; uno giallo per la plastica e uno bianco per la carta, entrambi impossibili da chiudere. «Poco distante, in via Nazario Sauro, c'è un'altra fila di cassonetti: solo plastica e indifferenziato - continua la residente - Io differenzio, giustamente, anche l'organico e il vetro. Passi per il vetro, che accumulo e poi vado a gettare alla prima campana che trovo in strada, dovendolo però trasportare in auto. Eppure prima c'era una campana anche qui, che da mesi è sparita. Ma con l'organico che dovrei farci, secondo il Comune e la Dusty? Lo dovrei tenere in casa per profumare l'ambiente? In teoria, c'era anche un cassonetto marrone in via Nazario Sauro, ma è sempre pieno di tutt'altro». E i controlli? «Leggo i titoli dei giornali anche io: si parla di multe, di controlli, di telecamere. Ma qui, sinceramente, mai visti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews