Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scenario pubblico, quando il tempo torna protagonista
In scena il pendolo umano di due coreografi-danzatori

Time takes the time Time takes, di Guy Nader e Maria Campos, libanese lui e spagnola lei. Un titolo che è già una recensione; anticamera di una esibizione spazio-temporale che umanizza lancette e pendoli

Cinquantacinque minuti. Questo il tempo necessario alla coreografia sul tempo stesso Time takes the time Time takes, ideata da Guy Nader e Maria Campos, in scena nel weekend a Scenario pubblico. Sul palco anche una batteria per riprodurre il suono e le sembianze di un pendolo in carne ed ossa. Cinque i danzatori impiegati per la sua messa in scena; sei con il batterista Miguel Marin, compositore e improvvisatore, parte integrante dello spettacolo. E quasi cinque saranno anche i minuti di applauso finale da parte del pubblico.

Tre uomini e due donne, coreografi compresi - libanese lui, spagnola lei, in collaborazione a Barcellona dal 2006 - si muovono come lancette. Parola chiave: ingranaggio. Il tempo è il susseguirsi dei meccanismi di un pendolo umano che si sposta sul palco, distruggendosi e ricomponendosi di continuo: in orologi da due, da tre o da cinque pezzi. Con una acrobaticità contenuta, che non sacrifica mai le linee della danza, ma soprattutto quelle delle lancette raffigurate con braccia e gambe.

Se per natura il tempo permane in ogni spazio, il suo suono, invece, è una convenzione inventata dall'uomo per percepirlo. Dal silenzio il batterista lo costruisce lentamente, coadiuvato soltanto da un sintetizzatore, fino a renderlo riconoscibile all’orecchio: un ticchettio, un battito. Un allegro-andante, per utilizzare il linguaggio di uno spartito o del metronomo. 

Bianco e grigio dominano sul piano costumistico e scenografico: il tempo è neutro, lo si può riempire di tutto. Anche di niente, ma una performance non può certo finire così. Nader e Campos optano per una ruota panoramica umana, che gira fino all'ultimo istante, per poi arrestarsi anche se soltanto nella finzione. Il prossimo appuntamento del cartellone è previsto per il weekend del 30 e 31 marzo, con le coreografie di Shumpei Nemoto e Taneli Torma.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×