Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bronte: dopo l'arresto, Calanna indossa il tricolore
«Non mi sono dimesso per il bene di questa città»

Ha rimesso la fascia con la bandiera italiana, simbolo del suo ruolo di primo cittadino. Adesso che la Cassazione ha annullato le ordinanze del giudice per le indagini preliminari e del tribunale del Riesame, Graziano Calanna è tornato in municipio

Redazione

«Dopo che la Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio le ordinanze emesse dal Gip e dal Tribunale del riesame, il sindaco Graziano Calanna questa mattina ha nuovamente indossato la fascia tricolore». Comincia così un comunicato stampa del Comune di Bronte sul rientro in municipio del primo cittadino, dopo oltre cento giorni di arresti domiciliari. Il politico 48enne, difeso dagli avvocati Carmelo Peluso e Mariella Mirenda, rimane indagato per istigazione alla corruzione e subito dopo la retata della guardia di finanza nel blitz Aetna era stato sospeso dal suo incarico su disposizione del prefetto di Catania Claudio Sammartino. A tirare in ballo Calanna erano state alcune telefonate intercettate durante le fasi di un'inchiesta più complessa. La stessa che ha svelato un presunto giro di corruzione per la gestione monopolistica del turismo sull'Etna da parte dell'imprenditore Francesco Russo Morosoli.

«Chi fa l’amministratore pubblico sa che, mettendo centinaia di firme, rischia di sbagliare qualcosa, ma mai avrei immaginato di essere arrestato. Ritenevo, infatti, che chi non ha rapporti con la mafia e chi non ruba non possa mai essere arrestato», dichiara Calanna nella nota diffusa ai giornalisti dal municipio brontese. «Non mi sono dimesso – spiega ancora il sindaco - perché non c’era motivo e perché sapevo che non avrei fatto il bene della città». Nella ricostruzione degli inquirenti, Graziano Calanna avrebbe chiesto a un imprenditore di incrementare i costi di un possibile lavoro per circa 20mila euro, pari a un incarico di consulenza.

Davanti al giudice per le indagini preliminari Calanna aveva rigettato ogni accusa. Spiegando senza giri di parole di «non avere mai chiesto utilità illecite per sé o per i propri amici e dimostrando come nel particolare caso di finanza di progetto, la ipotizzata condotta di istigazione alla corruzione sarebbe stata del tutto impraticabile». In particolare, riferiscono i suoi legali, ha dichiarato di «avere manifestato l'interesse pubblico all'opera, esaurendo gli atti di sua competenza perché ogni ulteriore approvazione sarebbe stata appannaggio del Consiglio comunale di Bronte».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.