Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, gli interessi per i lavori a Sigonella
Il teste: «Vidi tre volte Angelo Lombardo»

All'udienza del filone principale scaturito dall'indagine Iblis, si è parlato del ruolo di Angelo Lombardo, fratello del presidente della Regione, nei lavori alla base americana, e dell'interesse della mafia nella realizzazione del parco tematico di Regalbuto. «Per sbloccare la pratica, rimasta ferma al Genio Civile di Catania, incontrai tre volte l'onorevole Lombardo su indicazione del geologo Barbagallo», racconta il consigliere della Safab, l'azienda di costruzioni che secondo i giudici ha avuto rapporti con la mafia

Salvo Catalano

Nel processo ordinario nato dall’indagine Iblis oggi è stato il giorno del residence destinato ai soldati americani di stanza a Sigonella e del parco tematico di Regalbuto. Due opere, mai realizzate, ma su cui in fase di progettazione avrebbero messo gli occhi le famiglie mafiose catanesi. Nell’aula bunker di Bicocca, l’accusa, sostenuta dai pubblici ministeri Antonino Fanara e Agata Santonocito, si è avvalsa della deposizione di due testi: l’avvocato Mario Cavallaro, ex legale dell’Atlantica Invest Ag, società svizzera titolare del progetto del parco tematico in provincia di Enna, e Paolo Ciarrocca, dal 1991 al 2009 consigliere d’amministrazione della Safab, l’impresa edile oggi messa in liquidazione che avrebbe dovuto realizzare l’allargamento del complesso residenziale a Sigonella. Due storie distinte, ma entrambe, secondo i pm, emblematiche dell’intreccio di interessi tra criminalità, imprenditoria e politica.

Il racconto di Ciarrocca, che nel 2009 ha patteggiato un’accusa di corruzione davanti al Tribunale di Caltanissetta, ripercorre l’attività della Safab in Sicilia nell’ultimo decennio e si sofferma sul ruolo dell’onorevole Angelo Lombardo, fratello del governatore Raffaele, nel tentativo di sbloccare i lavori proprio per il residence di Sigonella. Quello che ne viene fuori è un quadro disarmante delle infiltrazioni della criminalità organizzata in quasi tutti gli appalti pubblici siciliani in cui ha lavorato la grande impresa romana. Dai lavori per la diga Disueri a Gela e quelli per la diga di Lentini, nel Siracusano, passando per il progetto del termovalorizzatore a Bellolampo, in provincia di Palermo, fino a Sigonella.

La Safab avrebbe versato alle famiglie mafiose una percentuale che di solito rappresentava l’1 per cento dell’intero appalto. Una «messa a posto» inizialmente consigliata, ma a poco a poco sempre più automatica. Una procedura che Ciarrocca definisce «pacifica». «A fare da mediatore in questi casi – spiega Ciarrocca – è sempre stato Sandro Missuto, che ho conosciuto per la prima volta nel 2001. Si presentò come sub-appaltatore mentre lavoravamo alla diga di Gela». Missuto è stato arrestato nel 2009 nell’inchiesta Cerberus, accusato di essere il prestanome del boss di Gela Daniele Emmanuello. «A Catania – continua Ciarrocca – non abbiamo mai avuto problemi, perché Missuto si spendeva preventivamente per risolverli». Sarebbe proprio Missuto a mettere in contatto la Safab con Angelo Santapaola, cugino di Benedetto Santapaola, per il cui omicidio, avvenuto nel settembre del 2007, è imputato Vincenzo Aiello, ritenuto il rappresentante provinciale della cosca. Alla riunione, avvenuta in una concessionaria di auto a Catania pochi mesi prima della morte di Santapaola, si parlò dell’appalto per il termovalorizzatore di Bellolampo. «Missuto – racconta Ciarrocca – mi spiegò che per mettere a posto le cose a Palermo bisognava comunque passare per Catania. Santapaola mi chiese 20mila euro subito, ma i lavori alla fine non partirono».

Interpreti diversi invece per l’appalto sull’allargamento del residence destinato ai militari americani di Sigonella. Qui la Safab sarebbe dovuta entrare nel project financing attraverso due sue controllate, la Volcano Housing e la Volcano Inn. «Ci furono mille difficoltà – risponde Ciarrocca al pm Fanara – perché la zona venne dichiarata a rischio idrogeologico, la pratica si arenò a causa del rimbalzo di responsabilità tra il Genio Civile di Catania e l’assessorato regionale al Territorio e all’ambiente. Nessuno dei due voleva esprimere un parere in merito». Per sbloccare la situazione interviene il geologo Giovanni Barbagallo, arrestato con l’accusa di associazione mafiosa, anello di congiunzione secondo la Procura tra i fratelli Lombardo e gli imprenditori in odor di mafia. «Barbagallo – racconta Ciarrocca – mi era stato indicato da Salvatore Cavaleri, che lavorava all’assessorato regionale al Territorio, come un ottimo geologo che poteva aiutarci a risolvere un problema che avevamo avuto alla diga di Lentini». Secondo l’ex consigliere della Sifab, Barbagallo consigliò di parlare con Angelo Lombardo della pratica Sigonella. «Incontrai Angelo Lombardo tre volte - spiega Ciarrocca - la prima nell’ex sede del Mpa in viale Africa a Catania, la seconda volta a Roma, infine ad una convention di partito. In quest’ultima occasione c’era anche l’ingegnere capo del Genio Civile di Catania, anche lui militante del Mpa, il quale mi ribadì che non c’era niente da fare e che bisognava rivolgersi a Palermo».

L’altro capitolo dell’udienza odierna riguarda la realizzazione del parco divertimenti di Regalbuto. L’avvocato Mario Cavallaro ha ripercorso le tappe della storia: dall’interessamento nel luglio del 2001 della società svizzera Atlantica Invest Ag, passando per la fase di progettazione, ricerca dei terreni e dei finanziamenti, fino alle difficoltà sulle quali si arenò definitivamente il progetto. Un parco faraonico, che avrebbe dovuto occupare 256 ettari, con alberghi per 2mila 600 posti letto e che secondo le previsioni iniziale avrebbe potuto ospitare 3milioni di visitatori all’anno. La società svizzera, tramite anche una nuova srl con sede in Italia, la Parco Tematico 2005, fondata per ottenere i finanziamenti europei (previsti da Bruxelles 97 milioni di euro, mai materialmente stanziati), spese circa 1milione di euro. Cifra usata tra spese di consulenze e caparre per i terreni individuati. Fu in questa fase progettuale che centinaia di imprese si presentarono a Cavallaro, legale all’epoca dell’Atlantica Invest, per offrire le loro prestazioni. Tra queste anche il gruppo dell’imprenditore di Regalbuto, Sandro Monaco, e quello del costruttore ennese Mariano Incarbone, entrambi imputati per concorso esterno in associazione mafiosa. «Registrammo l’interesse di tutti gli imprenditori – spiega Cavallaro – ma non siglammo nessuna intesa. Come principio poi volevamo evitare di dare appalti ad aziende piccole locali, per questo consigliammo a questi signori di unirsi in consorzio». Nonostante una cerimonia di inaugurazione nel gennaio del 2007, alla presenza dell’ex governatore regionale Totò Cuffaro, oggi in carcere a Rebibbia condannato per favoreggiamento a Cosa Nostra, e dell’ex ministro Vannino Chiti, il parco non venne mai realizzato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×