Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Improvvisa moria di piccioni a Catania
Lipu: «Sono randagi, come cani e gatti»

Si susseguono, a partire dalla stagione calda, le segnalazioni dei cittadini. Unica prova, al momento, la foto di due carcasse sui tetti di due palazzi del centro città. «Difficile stabilire se sono stati avvelenati o meno», spiega Giuseppe Rannisi, coordinatore per la provincia etnea della Lega italiana protezione uccelli. Che intanto raccomanda: «Non chiamateli piccioni, sono colombi di città. E niente molliche di pane, li indeboliscono»

Claudia Campese

«Io questo lo conosco, gli davo da mangiare due volte al giorno». Un anziano signore indica dispiaciuto il cadavere di un piccione sul marciapiede di via Firenze, a Catania. Un caso non isolato a partire dalla stagione calda, almeno a giudicare dalle segnalazioni di una improvvisa moria di piccioni arrivate alla Lipu, lega italiana protezione uccelli, da parte dei cittadini. «Difficile stabilire se sono stati avvelenati o meno», spiega Giuseppe Rannisi, coordinatore per Catania e provincia. Ad ucciderli potrebbero anche essere state le troppe attenzioni dei residenti che danno loro da mangiare i resti del proprio pranzo. «Alimenti non adatti, che indeboliscono la specie», avverte l'esperto. Animali poco amati perché considerati portatori di diverse malattie, ma sempre più semi-domestici. «Si chiamano colombi di città e, da un punto di vista legale, sono equiparati ai randagi». A farsene carico dovrebbe essere addirittura il Comune di Catania.

Al momento, unica prova delle segnalazioni sono le foto di due carcasse di piccioni scattate sui tetti di due palazzi: uno in via Firenze e l'altro in piazza Trento. «Uno sembra un adulto magrissimo, si vede lo sterno privo di muscoli - osserva Rannisi - Mentre l'altro sembrerebbe un giovane che potrebbe avere rimesso». Un dettaglio, quest'ultimo, che potrebbe far pensare a un avvelenamento. «La reazione di persone zoofobe che si può verificare sempre, a maggior ragione se c'è un numero elevato di piccioni o se viene reputato tale - continua il coordinatore Lipu - Individuarle non è facile in quanto possono agire su aree private e occulte alla vista».

E se a destare l'allarme dei non amanti dei piccioni è il loro numero, la responsabilità inconsapevole sembra essere soprattutto di chi invece vorrebbe aiutare questi volatili. «Signori anziani, persone caritatevoli che danno loro da mangiare le molliche del pane o i resti della loro pasta - spiega Rannisi - Cibo non adatto alla specie che li indebolisce e li rende più vulnerabili. I piccioni dovrebbero andare nei campi a cercare i vermi». Attività nomade a cui non sono più abituati. «Ormai preferiscono la città perché c'è più sicurezza, più cibo e caldo anche d'inverno». Condizioni che ne favoriscono la moltiplicazione, che andrebbe tenuta sotto controllo. «Con misure come la riduzione della somministrazione di cibo o dei siti riproduttivi, otturando i buchi dove nidificano». E non con l'abbattimento, come spesso succede.

«Il colombo di città non è altro che il colombo addomesticato che è scappato alla cattività e si è rinselvatichito». Non del tutto selvatico, quindi, ma nemmeno domestico. Un randagio, «proprio come i cani e i gatti». «Che non si può eliminare sia per motivi etici che per motivi ecologici, perché ha un ruolo nell'ecosistema urbano». Sulla presunta moria di questi ultimi mesi, intanto, la Lipu promette che continuerà a indagare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews