Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Violenza sessuale di gruppo, tre giovani in carcere
Vittima una 19enne che lavorava come baby sitter

Secondo la ricostruzione dei carabinieri la giovane sarebbe stata avvicinata lungo via Teatro Massimo. Subito dopo sarebbe stata convinta a spostarsi nei pressi di piazza Europa. I tre indagati avrebbero ripreso tutto con i loro smartphone

Redazione

Tre giovani sono stati fermati dai carabinieri di Catania per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una 19enne. I presunti abusi sono stati commessi il 15 marzo scorso in un'auto dopo che la vittima era stata accompagnata a bere in alcuni locali della movida di via Teatro Massimo. Il fermo, poi convalidato dal giudice per le indagini preliminari, è stato emesso dalla procura nei confronti degli indagati Roberto Mirabella, 20 anni, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato, di 19 anni.

La vittima, proveniente dagli Stati Uniti, da circa tre mesi era a Catania come babysitter alla pari in una famiglia. Secondo la ricostruzione degli inquirenti nella tarda serata del 15 marzo la giovane si trovava insieme a un'amica in un bar di via Teatro Massimo. Quando sarebbe stata avvicinata dai tre che si sono intrattenuti con lei dopo che era rimasta da sola. Dopo averle offerto qualche drink l'avrebbero convinta a spostarsi in un altro bar della zona e poi, una volta in strada, l'avrebbero costretta a salire con violenza in auto.

Arrivati nei pressi di piazza Europa i tre, secondo l'accusa, hanno abusato a turno della vittima, riprendendo le fasi della violenza con i loro telefonini. Uno di loro l'ha bloccata mentre stava chiamando il 112 per lanciare l'allarme. Il giorno dopo la vittima, al telefono, ha raccontato tutto alla madre e alla sorella che l'hanno spinta a denunciare. La famiglia in cui era ospite ha contattato un amico carabiniere che l'ha portata nella caserma di piazza Verga a presentare un esposto. La 19enne è stata sentita dai magistrati del pool specializzato nei reati riguardanti la violenza di genere. I militari dell'Arma hanno acquisito alcune registrazioni audio-video fatte dalla ragazza all'interno del bar e un video inviatole la mattina successiva da uno degli autori della violenza. L'obiettivo sarebbe stato quello di organizzare un nuovo incontro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×