Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lungomare, tra bambù e prato inglese
«Scempio del paesaggio mediterraneo»

La denuncia arriva da diverse associazioni catanesi che, in una lettera alle istituzioni cittadine, lamentano il danno ambientale e paesaggistico subito con la costruzione del nuovo lido Tribeach, in piazza Tricolore. Proprio di fronte a dove, poche settimane fa, la capitaneria di porto etnea ha istituito il divieto di balneazione. Coperte la vegetazione e le formazioni vulcaniche tipiche della scogliera, ma anche la vista del mare a cittadini e turisti

Claudia Campese

Prato inglese, canne di bambù, tavole di legno. A Catania. «Eppure qui non mi risulta ci siano i panda», ride amaro Giuseppe Rannisi, coordinatore della sezione etnea della Lega italiana protezione uccelli. Sotto la lente di ingrandimento il nuovo stabilimento balneare Tribeach, sul lungomare etneo, già sottoposto a un'ordinanza della capitaneria di porto che ne ha vietato la balneazione in alcuni tratti, così come già fatto qualche settimana fa con i lidi sul lato destro di piazza Tricolore, accanto alla mega struttura. Uno scempio in un'area «prezioso testimone di quello che era la nostra scogliera naturale prima dell’antropizzazione», scrive la Lipu insieme a Wwf Catania, Comitato cittadino Porto del Sole, CittàInsieme e la sezione catanese del Forum nazionale Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i territori in una lettera inviata alle istituzioni. Per realizzare la struttura, denunciano le associazioni etnee, è stato stravolto il tipico paesaggio mediterraneo. Per di più «con modifiche permanenti», a danno della flora locale e del panorama finora goduto da cittadini e turisti.

La prima vittima della costruzione, spiegano, è la tipica vegetazione della scogliera lavica, resistente alla salsedine: tra tutte, finocchio di mare e ginestrino delle scogliere. «Varietà che solo Catania, in Italia, può vantare», spiega Rannisi. Piante adesso ricoperte «da un banalissimo prato all’inglese – si legge nella lettera - Un prato come quello di una qualsiasi villetta dell’area metropolitana». E non va meglio alle particolari formazioni laviche nella parte nord dello stabilimento balneare: forgiate dalla natura a forma di corda, sono state adesso nascoste dall'uomo con le tavole di legno del solarium. «Si spera che i ponteggi che tengono la struttura e che poggiano sulla scogliera non abbiano danneggiato questa ulteriore particolarità vulcanologica-litologica», scrivono le associazioni.

Un danno per il paesaggio mediterraneo, ma anche per i catanesi. La vista del mare è infatti adesso disturbata dalla recinzione metallica e dai gazebo del Tribeach. Senza considerare le antenne e i bagni chimici «in bella vista col loro odore di soluzione chimica che si spande sulla passeggiata a mare dei catanesi». Il tutto impreziosito da una fitta siepe di bambù, che proprio non è andata giù alla società civile catanese. «Ma con oltre quattromila specie siciliane – chiede il Rannisi - dovevano scegliere proprio il bambù?». «Negli anni '60 non c'erano regole né valori – conclude - Ma oggi il livello culturale non consente più uno scempio simile».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×