Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict, sul concorso sospetto deciderà il Tar
L'udienza di merito fissata tra un anno

C'è una novità sul caso del concorso sospetto per un posto da ricercatore in Storia Contemporanea alla facoltà di Lingue di Ragusa. Il Tar ha deciso di entrare nel merito della vicenda, esautorando di fatto la commissione giudicatrice che nell'aprile scorso aveva confermato l'esito iniziale. Sarà il tribunale amministrativo, il 10 luglio del 2013, a decidere il più idoneo tra la vincitrice Melania Nucifora e il secondo classificato Giambattista Scirè

Salvo Catalano

C’è una novità nel caso del contestato concorso per ricercatore universitario alla facoltà di Lingue di Ragusa. Il Tar ha deciso di fare un passo avanti ed entrare nel merito della vicenda, ma lo farà soltanto il 10 luglio del 2013. Colpa dei tempi biblici della giustizia italiana. Esclusa dunque la possibilità di formare una nuova commissione, così come un’eventuale sollecitazione da parte del tribunale amministrativo regionale alla vecchia commissione di esprimere un nuovo parere. E sarebbe stata la terza volta.

Tra poco più di un anno sarà il tribunale a decidere chi tra Melania Nucifora, ricercatrice con laurea in Architettura, che dal 2005 collabora con il dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania, e Giambattista Scirè, secondo classificato e ricercatore all’università di Firenze, sia il più idoneo a vincere il contratto (tre anni più due) di ricercatore in Storia contemporanea a Ragusa. A quel punto l’Università di Catania dovrà prendere atto della decisione del Tar e agire di conseguenza. Nel frattempo la dottoressa Nucifora continuerà ad insegnare alla facoltà di Lingue. Il Tar, tecnicamente attraverso una ordinanza in fase cautelare al ricorso, ha quindi fissato «un’udienza pubblica di trattazione».

Il caso, esploso lo scorso aprile, era giunto anche in Parlamento, dove l’8 maggio il deputato del Pd Paolo Corsini ha presentato un’interrogazione parlamentare, per cui si aspetta la risposta del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. Persino il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è al corrente della vicenda, grazie ad una lettera inviatagli da Scirè, che negli ultimi mesi ha ricevuto attestati di solidarietà da docenti di fama nazionale, come Angelo D’Orsi, docente dell’università di Torino, anche attraverso importanti organi di stampa. Ha alzato la voce anche il movimento di docenti, laureandi e studenti riunito attorno alla Carta di Roma, prima piattaforma che propone un progetto di riforma dell’Università dal basso.

Il Tar si era già espresso una prima volta invitando la commissione a riesaminare i titoli di studio dei due candidati. Ma il 4 aprile i tre docenti nominati dal rettore dell’ateneo catanese, Antonino Recca, avevano confermato la scelta iniziale dichiarando vincitrice la dottoressa Nucifora.

Adesso la palla passa interamente alla giustizia amministrativa. Con i suoi elefantiaci tempi.

[Foto di sholeh!]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews