Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bike sharing Porto, dopo cinque anni un altro rinvio
Anche nel 2019 il servizio promesso «dopo l'estate»

A Natale 2014 i catanesi avrebbero dovuto trovare sotto l'albero delle bici elettriche a noleggio. Di feste ne sono passate tante e regali non ne sono arrivati. «È un progetto degno di una città europea», dice il sindaco Pogliese, prendendo tempo. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Doveva essere il regalo di Natale 2014 di Cosimo Indaco, allora commissario straordinario dell’Autorità portuale di Catania. Ma sono passati cinque anni e delle biciclette che dovevano completare il progetto di bike sharing elettrico al porto di Catania non c'è neanche l’ombra. Cosa è rimasto? Cinque colonnine di ricarica distribuite tra piazza Borsellino, spiaggia libera numero 1 della Playa e il molo di arrivo delle navi da crociera. «La quinta, sempre all’interno del porto, servirà a ricaricare due auto elettriche per volta», diceva all'epoca chi si era occupato dell'installazione. Eppure tutto è rimasto sulla carta. Nonostante l'investimento di circa 250mila euro già fatto e necessario, assieme alle piste ciclabili, per donare al capoluogo etneo un aspetto un po' più green. «Riprenderemo questo discorso dopo l'estate», afferma a MeridioNews il sindaco di Catania Salvo Pogliese.

L'avvio del progetto risale al lontano 28 ottobre 2014. Quando, nell'ambito dei finanziamenti Port pvev (programma operativo Italia-Malta 2007-2013), l'Autorità portuale aggiudica la gara d'appalto per l'investimento. Da quel momento in poi, gli annuncio continuano a susseguirsi: prima Natale, poi l'estate successivapoi quella dopo ancora. E nel frattempo le colonnine di ricarica diventano arredo urbano, destinate a fare ombra a chi aspetta l'autobus su viale Kennedy sotto il sole d'estate. Non c'è traccia neanche delle biciclette che avrebbero dovuto essere messe in funzione. E nemmeno è chiaro dove si trovino: a occuparsi della gestione del servizio, secondo i propositi della passata amministrazione guidata da Enzo Bianco, avrebbe dovuto essere l'Amt, l'azienda metropolitana di trasporti. «Ho chiesto lumi al presidente Giacomo Bellavia - spiega ancora il primo cittadino - Attendo la relazione».

A prendere tempo è anche l'attuale presidente dell'Autorità portuale Andrea Annunziata, il terzo vertice dell'ente infrastrutturale a fare i conti con le colonnine rimaste inutilizzate. Prima di lui, era stato il contrammiraglio Nunzio Martello (arrivato dopo Indaco) a sperare di concludere l'iter e consegnare il servizio alla città. «Finiremo entro dicembre», diceva anche lui, nel 2016. «Questo progetto lo abbiamo ripreso - dichiara adesso il suo successore Annunziata - ma subisce un attimo di ritardo perché stanno partendo i lavori per il sedime portuale». Una gara del valore di oltre due milioni e mezzo di euro, aggiudicata alla fine del 2018. «Prima bisogna pensare alla sicurezza - sostiene il sindaco - I soldi non sono andati persi. Attueremo tutte le opere di rilancio, perché questo è un progetto degno di una città europea. Ma ci vuole tempo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×