Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bike sharing Porto, dopo cinque anni un altro rinvio
Anche nel 2019 il servizio promesso «dopo l'estate»

A Natale 2014 i catanesi avrebbero dovuto trovare sotto l'albero delle bici elettriche a noleggio. Di feste ne sono passate tante e regali non ne sono arrivati. «È un progetto degno di una città europea», dice il sindaco Pogliese, prendendo tempo. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Doveva essere il regalo di Natale 2014 di Cosimo Indaco, allora commissario straordinario dell’Autorità portuale di Catania. Ma sono passati cinque anni e delle biciclette che dovevano completare il progetto di bike sharing elettrico al porto di Catania non c'è neanche l’ombra. Cosa è rimasto? Cinque colonnine di ricarica distribuite tra piazza Borsellino, spiaggia libera numero 1 della Playa e il molo di arrivo delle navi da crociera. «La quinta, sempre all’interno del porto, servirà a ricaricare due auto elettriche per volta», diceva all'epoca chi si era occupato dell'installazione. Eppure tutto è rimasto sulla carta. Nonostante l'investimento di circa 250mila euro già fatto e necessario, assieme alle piste ciclabili, per donare al capoluogo etneo un aspetto un po' più green. «Riprenderemo questo discorso dopo l'estate», afferma a MeridioNews il sindaco di Catania Salvo Pogliese.

L'avvio del progetto risale al lontano 28 ottobre 2014. Quando, nell'ambito dei finanziamenti Port pvev (programma operativo Italia-Malta 2007-2013), l'Autorità portuale aggiudica la gara d'appalto per l'investimento. Da quel momento in poi, gli annuncio continuano a susseguirsi: prima Natale, poi l'estate successivapoi quella dopo ancora. E nel frattempo le colonnine di ricarica diventano arredo urbano, destinate a fare ombra a chi aspetta l'autobus su viale Kennedy sotto il sole d'estate. Non c'è traccia neanche delle biciclette che avrebbero dovuto essere messe in funzione. E nemmeno è chiaro dove si trovino: a occuparsi della gestione del servizio, secondo i propositi della passata amministrazione guidata da Enzo Bianco, avrebbe dovuto essere l'Amt, l'azienda metropolitana di trasporti. «Ho chiesto lumi al presidente Giacomo Bellavia - spiega ancora il primo cittadino - Attendo la relazione».

A prendere tempo è anche l'attuale presidente dell'Autorità portuale Andrea Annunziata, il terzo vertice dell'ente infrastrutturale a fare i conti con le colonnine rimaste inutilizzate. Prima di lui, era stato il contrammiraglio Nunzio Martello (arrivato dopo Indaco) a sperare di concludere l'iter e consegnare il servizio alla città. «Finiremo entro dicembre», diceva anche lui, nel 2016. «Questo progetto lo abbiamo ripreso - dichiara adesso il suo successore Annunziata - ma subisce un attimo di ritardo perché stanno partendo i lavori per il sedime portuale». Una gara del valore di oltre due milioni e mezzo di euro, aggiudicata alla fine del 2018. «Prima bisogna pensare alla sicurezza - sostiene il sindaco - I soldi non sono andati persi. Attueremo tutte le opere di rilancio, perché questo è un progetto degno di una città europea. Ma ci vuole tempo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews