Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giro di Sicilia, Catania accoglie il debutto della corsa
Piazza non gremita, entusiasmo per Basso e Contador

La sfilata tra le vie del centro cittadino sancisce la partenza della prima edizione del Giro. Piazza Duomo non stracolma, ma non mancano i curiosi in cerca di foto e autografi. L'organizzatore Mauro Vegni: «Giro a quota 3000? La Sicilia non ne avrebbe bisogno»

Prende il via da Catania la nuova edizione del Giro di Sicilia: una corsa figlia dell'accordo tra Rcs Sport e Regione siciliana, che prevede l'organizzazione della corsa per il triennio 2019-2021, assieme al passaggio del Giro d'Italia nel 2020 e 2021, con partenza sull'isola. Una giornata mite e soleggiata accompagna la partenza delle 18 squadre che sfilano nello splendido contesto di una Piazza Duomo che non è gremita, ma mostra comunque entusiasmo e curiosità per gli atleti che sfilano sul palco durante la presentazione.

L'entusiasmo sale visibilmente quando arrivano due big del ciclismo contemporaneo come Ivan Basso e Alberto Contador. Due leggende che, dopo aver dettato legge nello scorso decennio, sono a capo della Kometa Cycling Team, squadra spagnola che tra le sue fila annovera anche gli italiani Stefano Oldani e Antonio Puppio. «È un piacere stare qua, l'atmosfera è unica. Io e Ivan siamo come fratelli», afferma un sorridente Contador. Parole di grande riconoscenza e ammirazione verso la Sicilia per Basso: «Quest'isola è fantastica, non perde mai l'occasione di dimostrare quanto sia vicina al ciclismo e ai ciclisti».

Sergio Parisi, assessore allo sport del Comune di Catania, invia i saluti istituzionali: «È un grande momento di grande festa e sport: dopo più di 40 anni - ricorda Parisi - riusciamo a far rinascere una corsa del genere. Saranno dodici tappe in tre anni: è una grande giornata di sport, turismo e promozione. Grazie al Giro e alle riprese faremo vedere cosa possiede questa terra: qualcosa di bellissimo che solo poche altre regioni possono vantare». Grandi applausi anche per l'unico big del ciclismo siciliano presente al via del Giro: Giovanni Visconti, col numero 111, sarà l'alfiere della Neri Sottoli Selle Italia. «Indescrivibile essere qui - afferma il corridore palermitano - sono gli ultimi anni di carriera. Questo Giro è stupendo: la condizione non è al top, ma mi piacerebbe far bene, essere competitivo e giocarmi qualche tappa».

«Oggi tappa pianeggiante - prosegue Visconti - ma mai dire mai: la zona ai 10 chilometri dall'arrivo è complicata, il finale potrebbe non essere scontato, potrei provare a buttarmi». L'organizzatore della corsa, Mauro Vegni, precisa: «Saranno quattro giornate di grande sport e ciclismo». In merito alla possibilità di portare il Giro d'Italia a quota 3000 sull'Etna, Vegni è apparso scettico: «La Sicilia non ha bisogno di un'imitazione del colle delle Finestre: ci sono già percorsi belli e caratteristici». L'attenzione, per adesso, è però sulla buona riuscita di un evento di portata storica per lo sport dell'Isola.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.