Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corso dei martiri, baraccopoli tra topi e rifiuti
«Per vivere abbiamo bisogno della Caritas»

Non smettono mai di fare notizia i tre buchi pieni di sporcizia e simbolo di degrado nel centro della città di Catania. L'amministrazione comunale promette un grande piano di recupero della zona, ma intanto intere famiglie vivono di espedienti in mezzo alla spazzatura. Come quella di Jessica: due figli piccoli e un marito ammalato. Senza acqua, né luce. Solo con l'aiuto della Chiesa

Desirée Miranda

Le baraccopoli di corso dei Martiri della libertà non smettono di fare notizia. Da molti anni ci si vive in pessime condizioni igienico-sanitarie. Tutti lo sanno in città, in primis l’amministrazione comunale che ha annunciato un grande piano di recupero della zona con il lavoro dell’architetto Mario Cucinella. Grandi progetti che però non cambiano lo stato delle cose: l’intera zona versa nel più completo degrado. Gli abitanti del luogo sono tutti stranieri che vivono di espedienti, qualcuno fa il lavavetri al semaforo, anche se una recente ordinanza del sindaco Raffaele Stancanelli gli ha reso le cose ancora più difficili del solito. Linea dura contro l’abusivismo che però non è durata molto per almeno due motivi: da una parte l’esiguo numero dei vigili urbani cittadini, dall’altra la presenza massiccia di lavavetri, che però scappano via appena vedono avvicinarsi un uomo in divisa.

[youtube

Davvero precarie sono le condizioni in cui vivono gli occupanti degli spazi, tra spazzatura, topi ed escrementi. E qualche cittadino ogni tanto si indigna e protesta. Non hanno bagni per lavarsi o fare i propri bisogni, né luce, salvo qualcuno che sembra rubarla dal vicino cartellone pubblicitario illuminato. Eppure lì ci abitano intere famiglie. Come quella di Jessica, che vive nel primo dei tre buchi di Corso dei Martiri da quando è arrivata in Italia otto anni fa. Sono in quattro in tutto: lei, il marito e due figli, uno di quattordici anni e una di cinque che è nata qui. «Viviamo come possiamo, ma è davvero difficile perché non abbiamo niente», spiega. Il marito è malato e non può lavorare, per vivere si affidano alla Caritas o alla chiesa più vicina. «Per lavarci e andare in bagno andiamo in chiesa – continua Jessica – ma è un vero schifo. Nessuno si preoccupa di noi. I miei figli hanno diritto a non vivere in mezzo alla spazzatura, ma io non posso offrirgli una casa, faccio quello che posso».

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×