Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ragalna, sfida a due con tutti i colori della politica
Corrono insieme ex candidato M5s e Fratelli d'Italia

Nella squadra di Emanuele Motta, uno degli assessori designati è Roberto Fonte, che nella tornata 2014 si candidò a sindaco con il Movimento 5 stelle. In squadra anche Giuliana Salamone, consigliera uscente e dirigente del partito di Giorgia Meloni

Salvatore Caruso

Una sfida tra due uomini che per un determinato periodo di tempo hanno lavorato e amministrato assieme, due persone che si conoscono e che per divergenze, legate probabilmente al mondo politico, hanno deciso di separarsi e proseguire autonomamente il proprio percorso. In comune dicono di avere un elemento: l’amore per Ragalna. Il profilo corrisponde a quello dei due candidati alla carica di sindaco per le prossime elezioni amministrative del 28 aprile a Ragalna. Da una parte il primo cittadino uscente Salvo Chisari con Cresce Ragalna, che si presenta al giudizio dei ragalnesi per chiedere conferma della preferenza accordatagli cinque anni fa. Dall'altra l'imprenditore Emanuele Motta, ex assessore proprio di Chisari, e la sua lista Rinascita.

Entrambi avranno al loro fianco persone provenienti sia dal centrodestra che dal centrosinistra. Ma la curiosità in più riguarda Motta, che avrà tra i suoi anche l'ex candidato sindaco del Movimento 5 stelle del 2014, il docente Roberto Fonte, designato assessore. C'è poi il caso di Giuliana Salamone, candidata sempre con lo sfidante, consigliera comunale uscente di Fratelli d'Italia, vicecoordinatrice provinciale e dirigente nazionale del partito di Giorgia Meloni. «Abbiamo realizzato l'80 per cento del nostro programma - sostiene l'uscente - Ricordo il piano regolatore che si aspettava da 34 anni. Vogliamo proseguire quello che abbiamo iniziato». Motta, invece, parla della necessità di una «Ragalna che riviva, puntando sull'Etna e su tutto quello che ruota attorno a essa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×