Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il cameriere estorsore, il giorno dopo in via Plebiscito
Silenzi e «Non so niente» dopo l'auto rubata al cliente

Le forze dell'ordine cercano le prove per capire se il furto e la richiesta di denaro seguente siano un caso isolato o qualcosa di più. Alcuni elementi sembrerebbero suggerire il ripetersi dello schema. Nel quartiere intanto nessuno vuole parlare

«Non so niente». Tre parole ripetute come un ritornello. È questa la cartina al tornasole che arriva da via Plebiscito. Un coro unanime, o quasi, per commentare l'estorsione che un cameriere avrebbe compiuto domenica ai danni di un cliente. L'obiettivo, stando alla ricostruzione fornita dai carabinieri, sarebbe stato quello di fargli restituire la macchina da poco rubata. Proprio mentre la vittima, un 34enne originario di Messina, stava mangiando carne di cavallo in uno dei tanti esercizi della zona. Dopo essere uscito dalla trattoria ecco l'amara sorpresa. A questo punto sarebbe entrato in scena il cameriere. Così gentile da fargli la cortesia di ritrovargli l'auto, ma soltanto dietro il pagamento di una penale da 800 euro. 

«Se ha sbagliato sono fatti suoi», commenta un uomo intento a preparare i bracieri. «Non ne so nulla, non so proprio come aiutarti», aggiunge un lavoratore di una delle trattorie. Ogni sera il segmento di via Plebiscito su cui sboccano via Lago di Nicito e via Nino Martoglio diventa uno dei luoghi clou della movida notturna di Catania. Sempre affollati i tavolini sparsi sui marciapiedi, a due passi dai fucuni in azione già dalla mattina. Sul fuoco ogni tipo di carne ma soprattutto quella equina. Intorno agli astanti una certa anarchia fra traffico e posteggio selvaggio, ma il mix rimane irrinunciabile non solo per i catanesi, ma anche per i turisti in cerca di cibo di strada e cultura popolare. 

Su tale scenario, l'attenzione dei carabinieri di Catania si starebbe ulteriormente incrementando negli ultimi giorni. Si continua a indagare e si cercano le prove per capire se l'estorsione dell'altra sera sia in effetti un caso isolato o qualcosa di più. Alcuni elementi sembrerebbero suggerire il ripetersi dello schema ai danni di vittime sempre selezionate fra i frequentatori delle trattorie di via Plebiscito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×