Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, fermata Cappuccini ultimata entro 2021
«I lavori potrebbero cominciare già a settembre»

Il punto della situazione tra l'assessore regionale Marco Falcone,Rfi e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Stefano Alì. Nel futuro c'è anche l'idea di costruire una pista ciclabile per raggiungere Catania

Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

«Oggi abbiamo preso un impegno serio con la città di Acireale, che aspetta quest’opera da trent’anni. Possiamo dire che ci siamo: c’è il consenso da parte di tutti e ci sono anche le risorse finanziarie». Le parole di Marco Falcone, assessore regionale alle Infrastrutture, non lasciano spazio a dubbi. La stazione Cappuccini si farà. E, come promette lo stesso componente della giunta guidata dal governatore Nello Musumeci, «I tempi devono essere veloci: già a settembre contiamo di iniziare i lavori e concluderli al massimo entro il 2021». La fermata dovrebbe sorgere nel cuore della città dei cento campanili. E i dettagli sono stati illustrati durante la conferenza stampa che si è svolta questo pomeriggio in via Vito D’Anna, tratto che si affaccia sopra il passaggio ferroviario già esistente. Il progetto di cinque milioni di euro è finanziato dalla Regione con fondi provenienti dai risparmi del raddoppio per Palermo. Toccherà a Rfi, poi, realizzare il progetto, mentre al Comune spetteranno i lavori sull'assetto urbanistico che fungeranno da collegamento col nodo ferroviario. Un progetto per cui i tre attori principali lavorano già da quasi un anno.

Ma se nelle parole di Falcone sembra trasparire pieno ottimismo, Salvatore Leocata di Rfi sembra essere più cauto e preferisce non sbilanciarsi con le tempistiche: «Siamo ancora in una fase di fattibilità del progetto – sottolinea Leocata -, una volta fatti i dovuti studi paesaggistici daremo inizio ai lavori il prima possibile». L’amministrazione acese dal canto suo pensa ai lavori da svolgere sul territorio. «L’incontro di oggi è un ulteriore passaggio – commenta l’assessore alla mobilità Carmelo Grasso -. Ci sono stati già diversi incontri e il tutto procede senza intoppi. Il progetto prevede due marciapiedi, un sottopasso e una strada di accesso alla ferrovia». La fermata Cappuccini consentirà alla linea Giarre–Catania, che già da un anno e mezzo ha il doppio binario, di diventare l’asse per una vera e propria metropolitana. Con l’aggiunta della fermata Cappuccini Acireale avrà la possibilità di avere tre fermate ferroviarie, se sommate alle altre due già esistenti di Guardia Mangano a nord e l’attuale stazione di via dell’Agricoltura a sud.

«Acireale realizzerà una serie di opere strategiche – continua Grasso -. Compresa una passerella pedonale che permetterà di raggiungere più agevolmente la fermata, mentre, sempre in zona Cappuccini, sarà costruito un parcheggio multipiano e infine la rotatoria e la strada che dalla strada statale conduce direttamente alla stazione». Una serie di lavori a cui seguiranno anche altre iniziative in collaborazione col Comune di Catania per il progetto denominato Agenda Urbana. «Lavori da fare attraverso un finanziamento di nove milioni di euro: su tutti una pista ciclabile che congiungerà le due città e verranno acquistati degli autobus a basso impatto».

Fattibilità dell’opera che quindi passa dal Comune di Acireale: «Avremo un ruolo importante – dichiara il primo cittadino Stefano Alì -. Otre a mettere a punto gli aspetti urbanistici, dobbiamo realizzare una strada di collegamento tra la fermata e il parcheggio di piazza Cappuccini». Opere che, secondo il sindaco, potrebbero avere un impatto positivo su altri punti strategici della città: «Tutto ciò valorizzerà Acireale perché agevolerà pendolari, studenti e turisti a raggiungere più facilmente il Centro». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×