Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Presidente, via De Gennaro dal Governo»
Oltre mille firme in poche ore per l'appello

A poche ore dall'appello, già oltre mille adesioni sul web e in programma una raccolta firme anche per le strade. Si tratta della sottoscrizione lanciata dal gruppo di avvocati catanesi dell'Osservatorio dei diritti che chiede al capo del Governo, Mario Monti, di sollevare dal proprio incarico il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, capo della polizia e responsabile dei fatti del G8. Eppure unico indenne al processo gidiziario

Federica Motta

Ill.mo. Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti
Ci rivolgiamo a Lei senza alcuna autorevolezza e senza alcuna legittimazione politica, o pubblica, se non quella di essere semplici cittadini di questo Stato.

Inizia così l'accorato appello al capo del Governo da parte dell'Osservatorio dei diritti catanese. Una vera e propria sottoscrizione per sollevare dall'incarico il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni De Gennaro. L'uomo a capo della polizia all’epoca del G8 di Genova. L'unico a non essere condannato al processo giudiziario. L'unico, «sentenze a parte, responsabile dell’assalto alla Diaz», scrivono i promotori dell'appello. Perché, la storia insegna, «a volte si è responsabili di qualcosa anche senza averne la responsabilità giuridica», continuano. Quindi, «caro Presidente, qui non si tratta del mero “Chi sbaglia paga”; qui si parla di responsabilità, di etica, di senso dello Stato, di fare un passo indietro».

E proprio partendo dal concetto di democrazia e democratico Paese, il gruppo Avvocati Liberi ha lanciato l'appello sulla piazza più popolare del web. Un evento virtuale su Facebook a cui aderire per la raccolta firme che «nel giro di 24 ore ha raccolto oltre mille adesioni», racconta Goffredo D'Antona, avvocato catanese e primo firmatario dell'appello.

«Abbiamo pensato che mugugnare o fare le solite lettere aperte non sarebbe servito a molto. Per cui abbiamo deciso di fare una cosa normale, da paese democratico normale. Ed è nata l'idea della sottoscrizione», dice. «Facciamolo, ci siamo detti. Anche se non è stato un semplice momento di goliardia su Facebook», spiega D'Antona. «Ma non pensavamo di ottenere tutto questo successo. L'idea era quella di lanciare un messaggio. Siamo persone democratiche e non possiamo solidarizzare con persone non democratiche, come De Gennaro. Ci siamo trovati quasi impreparati davanti a un riscontro di questo tipo», ammette. «La lettera è stata sottoscritta da ambienti trasversali. Ha raggiunto tante persone, non solo avvocati. Ma anche giornalisti e ragazzi che erano presenti al G8. Questo vuol dire che c'è tanta democrazia in questo Paese. Ed è per questo che porteremo avanti l'appello».

Una vera e propria campagna che andrà avanti sul web e non solo. «Verso fine luglio faremo il punto sul numero delle firme raccolte. E valuteremo se mandare una prima parte di queste al Presindente. Ma dopo l'estate andremo avanti, raccogliendo le firme anche per strada», chiarisce D'Antona. «Non ci fermeremo qui. Esigeremo una risposta da Monti e andremo avanti finché De Gennaro non se ne sarà andato via».

«Le Istituzioni sono espressione della volontà popolare e democratica. L’Italia deve essere, ma deve anche apparire come un Paese democratico, e la Democrazia è un’alba luminosa nell’aria tersa del mattino», conclude la lettera. «Sig. Presidente, faccia che quell’alba sia veramente luminosa».

[Foto di dumplife (Mihai Romanciuc)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews