Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il commando che assaltava i bancomat della provincia
Divisione dei compiti e scelta accurata degli obiettivi

È uno degli indagati a spiegare lo schema di azione messo in pratica dall'associazione, perfettamente organizzata e collaudata con ruoli bene precisi per ognuno. I nomi e i volti degli arrestati. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

«C'è chi maneggia l'escavatore, uno il furgone, due fanno tappo per vedere se passano macchine, due si mettono in un altro angolo, due devono caricare il bancomat». È uno degli indagati a spiegare lo schema di azione di quello che definisce un «commando» del quale avrebbero fatto parte ogni volta «otto, dieci persone». Un'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di spaccate è l'accusa per cui sono finite in carcere cinque catanesi, nell'ambito dell'operazione Nessun dorma condotta dai carabinieri di Acireale. Destinatari dell'ordinanza emessa dal gip del tribunale di Catania sono stati Carlo D'Urso (classe 1975), Davide Rapisarda (classe 1983), Salvatore Cutrona (classe 1991), Ivan Nicotra (classe 1989) e Gaetano Chinnici (classe 1986).

Le indagini, iniziate nel novembre del 2017 dopo il furto ai danni dell'agenzia Unicredit di Aci Castello, hanno consentito di individuare un sodalizio criminale operante nel territorio di tutta la provincia etnea. Un’associazione perfettamente collaudata in tutte le sue componenti che avrebbe agito seguendo sempre lo stesso modus operandi. Individuare gli sportelli bancomat da colpire - preferibilmente quelli più isolati e, quindi, più difficilmente raggiungibili dalle forze dell’ordine - fare accurati sopralluoghi ed effettuare il colpo.

Pietro Gaetano Chinnici

Ivan Nicotra

Rosario Salvatore Cutrona

Davide Rapisarda

Carlo D'Urso

Il primo passo della banda delle spaccate sarebbe stato il furto dell’escavatore con cui agire sul bancomat individuato e le auto da utilizzare per raggiungere l’obiettivo e per fuggire. Per la perfetta riuscita del colpo, a ogni sodale sarebbe stato assegnato un ruolo ben preciso: un incaricato alla guida dell’escavatore, gli addetti a caricare il bancomat sulle autovetture pronte per la fuga e i pali con la funzione di controllare l’arrivo o l’eventuale passaggio di macchine delle forze dell’ordine. 

L’attività investigativa ha permesso di raccogliere gravi indizi nei confronti degli indagati per le spaccate perpetrate nel territorio della provincia di Catania: la tentata spaccata al distributore di carburanti Petrol Company di San Gregorio dell'1 febbraio 2015; la spaccata all’agenzia Unicredit di Aci Castello, il 4 novembre del 2017, dalla quale sono stati portati via circa  87.330 euro ; la spaccata all’agenzia Monte dei Paschi di Siena di Aci Bonaccorsi, il 6 gennaio 2018, con un bottino di circa 87mila euro; la tentata spaccata all’agenzia Unicredit della zona Industriale di Catania, effettuata il 3 marzo del 2018. Nel corso di questo episodio, i militari di Acireale hanno arrestato in flagranza otto persone evitando il furto di circa 70mila euro. Nel complesso sono stati indagati undici soggetti, alcuni dei quali non raggiunti dall’odierna misura poiché erano già destinatari della custodia cautelare in seguito all’arresto del 3 marzo 2018. Gli arrestati sono stati portati al carcere di piazza Lanza.

Elenco arrestati:
1. Carlo D'Urso, classe 1975
2. Davide Rapisarda, classe 1983
3. Salvatore Cutrona, classe 1991
4. Ivan Nicotra, classe 1989
5. Gaetano Chinnici, classe 1986

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×