Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Beni tolti alla mafia non (ancora) destinati ai senzatetto
«Lavori ultimati da mesi, manca contratto di luce e gas»

Avrebbero dovuto essere pronti entro il mese di ottobre. Era stata la rassicurazione a MeridioNews dell'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo. Invece i clochard hanno passato l'inverno in strada. Adesso, l'ostacolo sarebbe una voltura

Marta Silvestre

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Ogni promessa è debito. E per i beni confiscati alla mafia da destinare ai senza fissa dimora da parte del Comune di Catania restano, almeno per il momento, sia la prima che il secondo. «Sicuramente contiamo di fare entrare i senzatetto prima che inizi il freddo, presumibilmente entro il mese di ottobre». Erano le parole dell'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo dette a MeridioNews lo scorso agosto, in occasione del primo mese dalla pubblicazione della discussa ordinanza antibivacco, poi rimasta inapplicata nonostante il suo rinnovo. Da quell'ottobre sono passati sei mesi, la primavera ha preso il posto dell'inverno ma i clochard etnei sono ancora letteralmente in mezzo a una strada

Le case, tutte grandi dai due ai quattro vani e fino a cento metri quadrati di estensione, si trovano tra San Cristoforo, piazza Indipendenza, Vaccarizzo e il centro storico. «In condizioni di piena fruibilità fin da subito». Almeno così era stato detto, a metà dello scorso mese di luglio, quando era nata l'idea di destinarle all'ospitalità di una quarantina di persone, la quasi totalità di quelle che dormono in vari punti della città. «La fase di ristrutturazione - afferma ora a MeridioNews l'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo - compete al settore delle manutenzioni. Io ho già fatto l'avviso per la gestione da parte delle associazioni e ho sollecitato affinché si completi tutto ciò che è necessario per rendere questi edifici vivibili». Dagli uffici tecnici, però, fanno sapere che «le ristrutturazioni sono state tutte completate già da un paio di mesi almeno». 

L' impianto elettrico e quello idrico sono messi a norma, gli infissi sono stati sostituiti, i servizi igienici sono stati sistemati ed è anche stata data una rinfrescata alle pareti. Ma, allora, dov'è che tutto si blocca? «L'unico ostacolo rimasto è che deve ancora essere stipulato il contratto della luce e - riferiscono dall'ufficio tecnico - pare che ci siano stati problemi con l'Enel, forse dovuti a precedenti morosità da parte del Comune». insomma i lavori si sono bloccati perché resta da fare una voltura. «Fatto questo - assicura l'assessore che non dà certezze sulla tempistica - dovrebbe essere tutto pronto». 

Il primo passo, per rendere gli appartamenti strappati alla criminalità organizzata una parziale soluzione all' emergenza abitativa, era stato compiuto lo scorso 31 maggio dall'ex amministrazione di Enzo Bianco. Gli immobili, affidati alla direzione Politiche sociali, sarebbero dovuti andare al «ricovero temporaneo dei nuclei familiari in atto ricoverati in strutture ricettive». Vale a dire a persone rimaste senza abitazione e ospitate, a spese di Palazzo degli elefanti, in bed and breakfast del territorio come i residenti del palazzo esploso in via Crispi

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews