Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Preso il latitante evaso durante trasferimento in carcere
Rintracciato a Palagonia. Era nell'abitazione della sorella

Gaetano Oglialoro, 42 anni, era fuggito da un furgone della polizia penitenziaria. Il mezzo si era fermato in un'area di servizio in contrada Cuticchi, lungo la Catania-Gela. Stava rientrando a Messina dopo un'udienza per una maxi rissa avvenuta in carcere

Dario De Luca

È durata esattamente 24 ore la fuga di Gaetano Oglialoro. Il 42enne nato a Palagonia, ma residente a Ramacca, che da mezzogiorno di ieri aveva fatto perdere le sue tracce. Riuscendo, non è ancora chiara l'esatta dinamica, a fuggire durante un trasferimento dal tribunale di Caltagirone al carcere di Messina. L'uomo aveva approfittato di una sosta in un'area di servizio, lungo la strada statale Catania-Gela, per uscire da un cellullare delle polizia penitenziaria e allontanarsi tra le campagne che circondano l'area di contrada Cuticchi. Secondo alcuni testimoni sarebbe stato sprovvisto di manette ai polsi. 

A battere l'area, oltre gli agenti della polizia penitenziaria, anche i carabinieri di Caltagirone e Palagonia, coordinati dal comandante Felice Pagliara. Le ricerca, a cui ha partecipato anche un elicottero del nucleo di Catania, si sono estese anche nei Comuni vicini. Oglialoro era stato condotto a Caltaigirone, come appreso da MeridioNews, per un processo che lo vedo alla sbarra insieme ad altri 19 detenuti. Protagonisti di una maxi rissa in carcere. A dicembre 2018 era stato arrestato durante un controllo dei carabinieri lungo la strada statale 417. Oglialoro si trovava in compagnia di due complici con poco più di mezzo chilo di cocaina. Nella successiva perquisizione all'interno della sua abitazione le forze dell'ordine avevano trovato 23mila euro in contanti

Appena quindici giorni fa Oglialoro era stato condannato in primo grado a a 6 anni e 8 mesi. In teoria, senza tenere conto del processo d'appello, sarebbe dovuto uscire dal carcere nel 2025. Il suo passato tuttavia è pieno di problemi con la giustizia. Essendo stato, a partire dagli anni '90, arrestato decine di volte per reati contro il patrimonio e droga. Nel 2005 per una settimana si era reso irreperibile, dopo che i carabinieri lo avevano sorpreso nel cortile di casa, a Ramacca, mentre era intento a smontare una macchina rubata.

Si precisa che la foto utilizzata in precedenza era un'immagine d'archivio non attinente al luogo in cui è stato catturato Gaetano Oglialoro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×