Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Decreto sisma: «Dal testo sono spariti i Comuni»

Redazione

Foto di: Pagina facebook Terremoto Fleri 3.19

Foto di: Pagina facebook Terremoto Fleri 3.19

Pubblicato il decreto legge che prevede interventi per i danni causati dal sisma dello scorso 26 dicembre sull'Etna, ossia “Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici”, in vigore da oggi, 19 aprile 2019. Nell’arco del quinquennio 2019-2023 è previsto un fondo di 236,7 milioni di euro, con interventi per la ripresa economica in favore delle imprese che hanno subito una riduzione del fatturato operanti nel settore turistico, dei pubblici esercizi, del commercio e artigianato, nonché alle imprese che svolgono attività agrituristica. 

«Si tratta chiaramente di una buona notizia – ha dichiarato il sindaco di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso – ma non posso non evidenziare che dal testo sono praticamente spariti i Comuni. Ci sono sì agevolazioni legate a Imu e Tari, ma rimane l’enorme problema del personale legato alla gestione dell’emergenza: non ci sono agevolazioni economiche per gli straordinari, per eventuali part-time, non si parla di personale aggiuntivo. E tutto questo nelle bozze era previsto. Inoltre – ha continuato il primo cittadino – gli interventi sono previsti all’interno di cinque anni, anziché tre come era stato detto in precedenza, e la cifra è stata ridotta: si è passati da 300 milioni a circa 230 . 

Non sappiamo poi quali siano le priorità all'interno di questi anni: sono previsti anche interventi negli edifici pubblici, ma non sappiamo altro, non abbiamo specifiche. Speriamo adesso – ha concluso Caruso – che il decreto diconversione riporti interventi per assistere gli Enti, altrimenti le difficoltà, già enormi per noi, aumenteranno».

(Fonte: ufficio stampa Comune di Aci Sant'Antonio)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×