Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aggressione De Felice, stop domiciliari per i minori
Ma non potranno tornare a casa dopo le 8 di sera

Per quattro dei cinque giovanissimi accusati di lesioni personali, il tribunale del Riesame ha ridimensionato la misura cautelare. Non più obbligo di permanenza in casa, ma libertà con alcune prescrizioni da rispettare

Luisa Santangelo

Stop agli arresti domiciliari, ma con alcune prescrizioni: vale a dire che non potranno uscire di casa prima delle 7.30 del mattino e non potranno rincasare dopo le 20. È questa la decisione del tribunale del Riesame a proposito di quattro dei cinque minorenni accusati di avere picchiato un 18enne all'ingresso dell'istituto superiore De Felice di piazza Roma, lo scorso 21 marzo. La vittima, E. M., aveva subito una frattura composta dello zigomo a seguito di un pugno in pieno volto e poi di alcuni colpi di casco che lo avrebbero raggiunto alla faccia.

Lo scorso venerdì nelle aule di piazza Verga si è tenuta l'udienza del tribunale delle Libertà sui giovanissimi (compresa una ragazza) accusati di lesioni personali in concorso, tutti militanti dei collettivi studenteschi collegati ai centri sociali Liotru e Colapesce. Un elemento importante considerando che le autorità hanno confermato la matrice politico-ideologica della violenza. La vittima, dal canto suo, è militante dell'organizzazione giovanile di estrema destra Assalto studentesco, vicina allo spazio sociale Cervantes e al movimento neofascista Forza nuova. Per uno dei minori la magistratura aveva disposto il collocamento in comunità, mentre per gli altri quattro era stata stabilita la permanenza in casa. La misura cautelare, però, adesso è stata ridimensionata

I fatti erano stati denunciati pubblicamente dal mondo politico di destra. In un primo momento si era parlato di un'aggressione a opera di trenta persone, maggiorenni, nei confronti del giovane militante da solo. Successivamente era emerso, però, che il gruppo non era numeroso come era stato descritto e che a fare partire la lite sarebbe stato il tentativo, da parte dei giovani di sinistra, di impedire il volantinaggio per una manifestazione identitaria che si sarebbe tenuta il giorno dopo. I fatti si sono verificati poco prima delle 8 del mattino, mentre in piazza Roma - per la precisione di fronte alla villa Bellini - era in corso l'assembramento per il corteo antimafia di Libera.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×