Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La tragica lite, convalidato fermo per figlia vittima
«Collaborazione nella ricostruzione dell'accaduto»

Il giudice ha stabilito la permanenza nella casa circondariale di piazza Lanza per Loredana Ciancitto. Accusata dell'omicidio del padre al culmine di una lite avvenuta venerdì scorso. A MeridioNews le parole del suo avvocato

Salvatore Caruso

Resta in carcere Loredana Ciancitto, la 38enne di Paternò, fermata nella serata di venerdì scorso dai carabinieri su disposizione del sostituta procuratrice Valentina Botti. La donna è accusata dell’omicidio preterintenzionale del padre, Giuseppe Ciancitto, 78 anni, postino in pensione. A confermare l’arresto il giudice per le indagini preliminari di Catania, Luigi Barone, dinnanzi al quale, nella prima mattinata di oggi, si è svolta l’udienza di convalida. La donna era assistita dall’avvocato Massimo Corsaro: «Il giudice ha convalidato l’arresto lasciando in carcere la mia assistita - spiega a MeridioNews il difensore dell’indagata – il tutto in attesa dell’esito dell’esame autoptico». 

Loredana Ciancitto ha risposto alle domande del giudice e anche a quelle del suo legale: «Ha dato la massima collaborazione, ricostruendo ciò che sarebbe successo venerdì pomeriggio - conclude l’avvocato - Altro non possiamo aggiungere». L’udienza è durata poco meno di un ora. Secondo l’accusa, durante la lite col padre, ci sarebbe stato un contatto col genitore e quest’ultimo cadendo avrebbe sbattuto violentemente la testa dentro il bagno. Tuttavia non è da escludere che la vittima sarebbe inciampata perdendo l’equilibrio. L'ispezione esterna del cadavere, eseguita nell'immediatezza del fatto, dal medico legale Giuseppe Ragazzi, non avrebbe evidenziato lesioni esterne evidenti e neppure la frattura del cranio come si era appreso in un primo momento. 

L'uomo, durante la lite sarebbe stato colpito da un infarto al miocardio. Ma sarà tuttavia l'autopsia - con l'incarico che verrà assegnato martedì - a chiarire tutti i dubbi sulla vicenda; pertanto l’ipotesi maggiormente accreditata sarebbe quella che l'uomo sia morto durante la lite con la figlia per un attacco di cuore. Inutili si sono rilevati i tentativi di rianimarlo da parte dei medici del 118 intervenuti in casa Ciancitto. 

Da una ricostruzione dei fatti eseguita dai carabinieri tra padre e figlia sarebbe scoppiato un vivace battibecco legato a dissidi interni al nucleo familiare: la sorella della fermata sarebbe dovuta passare, quel pomeriggio, dalla casa dei genitori. I rapporti tra le due sorelle, da quanto accertato dalle forze dell’ordine, non sarebbero ottimi. L’indagata non sarebbe stata d’accordo sulla presenza della congiunta in casa e da ciò la diatriba con la vittima. La donna finita nella casa circondariale di piazza Lanza, avrebbe avuto da tempo un rapporto piuttosto conflittuale col padre. Nel momento in cui è avvenuta la tragedia era presente anche la madre della donna che si trovava,probabilmente in un'altra stanza dell’appartamento al primo piano della palazzina a tre livelli in via Catanzaro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×