Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I grillini brindano all'addio di Lombardo
«Ad agosto sceglieremo il nostro candidato»

Una festa per salutare, con qualche giorno di anticipo, la fine della presidenza regionale di Raffaele Lombardo. Il Movimento 5 stelle catanese ha festeggiato con un esperimento di democrazia partecipata la fine della «Lombardosi». Votate alcune proposte che riguardano economia e lotta alla mafia, in attesa di eleggere il candidato per la corsa a palazzo D'Orleans

Gianmarco Catalano

Una serata al parco «per brindare insieme alle dimissioni di Raffaele Lombardo».
E’ il No Lombardo Day – Parco in Festa!, l’evento organizzato dal Movimento 5 stelle catanese e svoltosi venerdì sera all’interno del parco Falcone di via Raffaele Sanzio. Una festa che precede di qualche giorno le dimissioni del presidente Lombardo - annunciate dallo stesso governatore per il 31 luglio – ma anche l’occasione per il Movimento di presentare ai cittadini la loro attività e il programma amministrativo, in vista delle prossime elezioni regionali. Ad arricchire la manifestazione, un piccolo esperimento di democrazia partecipata all’aria aperta con i circa sessanta catanesi accorsi.

«Lombardosi», così definiscono «la politica degli affari e del clientelismo che ha lasciato questa terra nel degrado e nel sottosviluppo per continuare a perpetrare il potere», spiega Tommaso Curro portavoce del Movimento etneo. Contro di essa, la cura proposta dai grillini parte dal basso. «Attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, vogliamo che la politica torni ad essere la gestione della cosa pubblica – spiegano - E non una professione ad oltranza».

«Ma se dopo il 31 luglio Lombardo non si dimetterà, magari andremo sotto casa a ricordarglielo», commenta Massimo Castiglione, esponente del movimento. E in vista delle elezioni in Sicilia, il prossimo impegno per i grillini etnei sarà il congresso regionale del «4 agosto a Caltanissetta – annuncia Curro – Una riunione in cui sceglieremo in modo democratico e assembleare il nostro candidato presidente».

Accorpamento dei consigli d’amministrazione delle società partecipate in Sicilia, telecamere a circuito chiuso per la gestione della sicurezza a Catania, riduzione dei consorzi di bonifica, istituzionalizzazione della lotta alla mafia nelle scuole. Queste solo alcune delle proposte avanzate, discusse e votate per alzata di mano dai cittadini, durante l’esercizio di democrazia partecipata simulato nel corso dell’evento. «E’ stato un esperimento ben riuscito – commenta Tommaso Curro – Ed è stata anche un’occasione per incontrare la gente, ascoltando alcune loro proposte su temi
d’interesse comune».

In chiusura, spazio ad una delegazione del movimento No Muos che ha spiegato ai presenti i motivi – principalmente legati alla tutela dell’ambiente e della salute delle popolazioni – che hanno spinto gli attivisti a protestare contro la realizzazione del sistema di antenne ad elevatissima potenza elettromagnetica che la Marina militare statunitense sta istallando nella riserva Sughereta di Niscemi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews