Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ucciso in provincia di Genova ex pentito di Misterbianco
Da boss del clan Malpassotu alla nuova vita da orefice

Orazio Pino era stato il luogotenente del boss Giuseppe Pulvirenti. Nel suo passato anche l'accusa di essere stato il mandante dell'omicidio di Mario Nicotra, capo di una cosca rivale. Sul caso, adesso, indaga la polizia di Chiavari

Dario De Luca

Si chiamava Orazio Pino e nel suo passato c'era l'appartenenza con un ruolo apicale nel clan del Malpassotu e la scelta di collaborare con la giustizia. Originario di Misterbianco, viveva a Chiavari, in provincia di Genova. Dove nelle scorse ore è stato ritrovato morto, fuori da un'auto nel parcheggio di un supermercato. L'uomo, 70 anni, secondo le prime informazioni, è stato ucciso con un colpo di pistola di piccolo calibro parato alla nuca. Secondo quanto riportato da Il Secolo IXI, Pino di professione faceva l'orefice. Sul posto è intervenuta la polizia, con gli agenti chiamati a ricostruire l'esatta dinamica e il movente del delitto.

Secondo le prime informazioni, a notare il corpo della vittima nella serata di ieri sarebbe stato un passante. Quello che sembrava un caso di morte naturale ha, però, riservato la sorpresa. Dietro la nuca, infatti, il medico legale ha notato un piccolo foro, segno che qualcuno aveva sparato con precisione a Pino. La sua carriera criminale era iniziata da giovanissimo negli anni '70. Periodo della prime rapine e dei primi gesti eclatanti. A 19 anni, mentre si trovava rinchiuso nella casa circondariale di piazza Lanza, aveva tentato il suicidio ingerendo compresse mediche. Nel 1981, Pino viene scoperto mentre nascondeva nella sua casa di Misterbianco cocaina, eroina, siringhe e tre milioni di vecchie Lire. 

Passo dopo passo era diventato un capo, nonostante gli arresti. Nel 1990, le cronache dell'epoca dedicano a Pino il titolo di figlioccio del Malpassotu, il boss Giuseppe Pulvirenti. L'uomo, ucciso ieri sera, era stato coinvolto in un blitz della polizia insieme ad altre undici persone. All'epoca, almeno sulla carta, era il titolare di una casa discografica, la Step records, che si occupava di incidere musicassette per cantanti napoletani e catanesi. Secondo i magistrati, Pino in quegli anni sarebbe stato anche il mandante del delitto del capo della banda rivale, Mario Nicotra detto u tuppu, ucciso in un bar di Misterbianco nel 1989. Per questa vicenda, i giudici della corte d'Assise stabilirono però l'assoluzione. Successivamente, a distruggere l'impero del clan ci pensò lo stesso Pulvirenti, numero due di Cosa nostra arrestato dopo undici anni di latitanza nel 1993 e pentito dal 1994, e tanti tra i suoi fedelissimi. Oltre a Pino iniziarono a parlare con i magistrati Claudio Severino Samperi e Filippo Malvagna, nipote del Malpassotu.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.