Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, rubate coperture di ghisa dei tombini
È allarme sicurezza sulla strada provinciale 15

Una trentina di coperchi sono stati trafugati nei giorni scorsi. Non è chiaro quando il furto sia avvenuto, né è stato possibile ancora quantificarne il valore. Gli uffici Manutenzione della ex Città metropolitana hanno segnalato il pericolo. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Una trentina di coperchi di tombini sono stati rubati nei giorni scorsi in territorio di Paternò. Si tratta delle botole collocate a copertura dei pozzetti di ispezione che si trovano ai piedi dei pali della pubblica illuminazione, ai margini della strada provinciale 15. Rimane incerto il periodo in cui è stato realizzato il furto, a opera di ignoti. A non essere passata inosservata, però, è la sparizione dei tombini, la cui assenza è stata segnalata dagli automobilisti della zona agli uffici della Manutenzione della ex provincia regionale di Catania.

I tecnici della Città metropolitana hanno messo in sicurezza i tombini, segnalando il pericolo. Non è da escludere che i ladri abbiano portato via anche i cavi di rame all'interno dei pozzetti. «Non è possibile che una strada molto trafficata come questa sia piena di buche pericolose - dichiara un agricoltore 60enne che deve prendere l'arteria per recarsi al lavoro - Quando sono in macchina faccio molta attenzione, ma la strada così è pericolosa anche per i pedoni: c'è spesso gente che cammina a piedi ai margini della carreggiata». Simili furti di coperchi in ghisa si sono verificati anche sulle sp56/II, 137/I e 139. Il valore della refurtiva è da quantificare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews