Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Imu, ennesimo rinvio in consiglio comunale
Scontro in aula tra Musumeci e Consoli

Salta per l'ennesima volta il voto su regolamento e tariffe Imu in consiglio comunale, per mancanza di numero legale. In seduta il clima si fa teso e Nello Musumeci, capogruppo de La Destra, sbotta contro il presidente Marco Consoli: «Manca di rispetto ai consiglieri». La votazione riprenderà lunedì 6 agosto, mentre Consoli aspetta da Musumeci «delle scuse formali»

Leandro Perrotta

«Presidente, non le consento di dire "Chi?" quando nomina un consigliere. La avverto per la prima e ultima volta: bisogna avere rispetto. Vergogna». Urla Nello Musumeci. E Marco Consoli, presidente del consiglio comunale di Catania, risponde: «Aspetto le sue scuse formali». Il capogruppo de La Destra ha perso la pazienza nel giorno in cui in consiglio si vota il regolamento dell'Imposta comunale unica (Imu) e delle relative tariffe. Una seduta, ieri sera, di prosecuzione di quella del giorno precedente, e come quella disertata dalla maggioranza dei consiglieri e rinviata per mancanza del numero legale dopo appena venti minuti. L'ira dell'ex presidente della provincia di Catania è scatenata dall'appello dei consiglieri, in cui Consoli ha spesso esclamato a gran voce «Chi?», a sottolineare di non aver capito un particolare nome. Un atteggiamento apertamente provocatorio per Musumeci, ma alle accuse di mancanza di rispetto Consoli risponde a tono: «Consigliere, si deve vergognare chi minaccia il presidente del consiglio comunale».

«Lunedì prossimo il consiglio si riunirà un'altra volta per la votazione sull'Imu, sperando che la maggioranza questa volta si presenti» riferisce Manfredi Zammataro, anche lui consigliere de La Destra. Il gruppo consiliare tiene infatti particolarmente al tema dell'imposta sugli immobili, per il quale ha pronto un emendamento: applicare le tariffe minime per tutte le prime case, su fabbricati rurali e negozi nel centro storico. I continui rinvii del consiglio potrebbero invece portare all'applicazione della proposta dell'amministrazione comunale, ritenuta «necessaria» per le casse dell'ente dall'assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi. Si prevede l'aliquota minima al quattro per mille per le case popolari e al sei per mille per i normali alloggi di classe A2 e A3, rispettivamente il doppio e il triplo del minimo consentito per legge, lo 0,2 per cento. Ma lo scontro in aula tra Consoli e il solitamente composto Musumeci non avrebbe niente a che vedere con la differenza di vedute sul tema. E sarebbe invece da riferirsi «alla condotta della seduta da parte del presidente Consoli», conferma Zammataro. Che non nasconde il problema di una «maggioranza consiliare sempre assente». Un assenteismo che, nelle ultime sedute, è stato evidenziato dalle richieste di voto esplicito con appello. Ieri è stata Valeria Sudano, capogruppo del Pid, a richiederlo al presidente Marco Consoli, consigliere Mpa, che ha proceduto due volte all'appello secondo regolamento. «Vedremo quali saranno le conseguenze di questo in altre sedi» dichiara pubblicamente Consoli in aula rivolto a Musumeci. In attesa di sviluppi sulla vicenda, lunedì 6 agosto l'Imu tornerà in aula.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×