Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zafferana Etnea, tutti gli eletti al Consiglio comunale
Trionfo di Polis. Alfio Barbagallo trascina gli sconfitti

La lista del neosindaco Salvo Russo si comporta da corazzata e infligge circa 900 voti di scarto alla sfidante Rosaria Coco. Inconsistenti le prove di M5s e Angelo Di Mauro. Per la nuova opposizione non basta il plebiscito di consensi per l'ex deputato Ars

Redazione

La prospettiva di una gara all'ultimo voto, alla vigilia ritenuta probabile, è evaporata nel giro di un'ora dall'inizio dello spoglio. Salvo Russo diventa il nuovo sindaco di Zafferana Etnea infliggendo, alla fine, un distacco di circa 900 voti, circa il 17 per cento, alla sua rivale più accreditata, l'ex consigliera Rosaria Coco. In nottata, durante i caroselli animati dal gruppo di Progetto polis, anche il primo cittadino uscente Alfio Russo ha brindato assieme alla nuova maggioranza. Il neoeletto è stato negli ultimi cinque anni assessore ai Lavori pubblici e la benedizione del sindaco, non più ricandidabile, aveva pesato non poco quando, fra febbraio e marzo, serviva trovare un successore. Salvo Russo scalzò la concorrenza dell'ex vicesindaco Giovanni Di Prima, ritiratosi dalla scena politica, anche grazie al supporto del suo omonimo. 

Decisivo, in quella circostanza, anche il gruppo legato all'ex presidente del comitato organizzatore dell'Ottobrata, Salvo Coco, candidato al consiglio e recordman di preferenze con 623 voti, vicino a Forza Italia. C'era anche altro ex della politica locale a spingere la corsa di Russo, legato a sua volta al deputato Ars del Pd Anthony Barbagallo: il sindaco degli anni Novanta, esponente dell'Ulivo, Pippo Leonardi, zio del neo eletto. Il nuovo consiglio pullula di debuttanti. Nella maggioranza solo Sergio Alampo era stato consigliere negli ultimi cinque anni. 

Nell'inconsistenza di Movimento 5 stelle e del civico Angelo Di Mauro - che insieme non raccolgono neppure 500 voti - fa rumore la débâcle della lista Zafferana viva guidata da Rosaria Coco. Solamente due dei candidati al Consiglio superano i 400 voti: l'ex deputato regionale Alfio Barbagallo - il più votato di Zafferana con 634 voti - e la commercialista Rosanna Privitera. In aula consiliare, assieme a loro due, entrano la candidata sindaca sconfitta e Giuseppina Costa, vicina a Diventerà bellissima, di un solo voto giunta davanti al compagno di lista Alfio D'Agata. Il gruppo si richiamava al centrodestra e aveva incassato anche l'endorsement del sindaco di Catania Salvo Pogliese. Solo Alfio Barbagallo vanta un trascorso politico di rilievo fra i componenti della nuova minoranza.

Tutti i voti di preferenza e gli eletti:

Consiglieri di maggioranza
Progetto Polis

Salvo Coco 623
Maria Trovato 569
Ezio Pappalardo 567
Cettina Coco 521
Sergio Alampo 376
Arianna Santanocita 332
Giuseppe Di Salvo 297
Maria Tornatore 264

Consiglieri di opposizione
Zafferana Viva

Rosaria Coco (eletta in quanto candidato sindaco al secondo posto)
Alfio Barbagallo 634
Rosanna Privitera 475
Giuseppina Costa 252

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×