Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Questura, il capo della squadra mobile lascia Catania
Antonio Salvago andrà a dirigere il reparto di Napoli

Migliaia di arresti, dal 2013 a oggi, decine di operazioni e di latitanti arrestati. Tra i quali, i più famosi, Nuccio Mazzei 'u carcagnusu e Concetto Bonaccorsi 'u carateddu. A sostituirlo sarà Marco Basile, da Cagliari

Redazione

Antonio Salvago non sarà più il capo della squadra mobile di Catania: dal 6 maggio sarà sostituito da Marco Basile, una nuova assegnazione che viene da Cagliari (ma con un passato napoletano). La notizia del cambio al vertice è stata diffusa dall'ufficio stampa della questura di Catania. Salvago andrà a dirigente la squadra mobile di Napoli, una delle più impegnative d'Italia. «Il dipartimento della Pubblica sicurezza - dice il questore Alberto Francini - consapevole di avere del dottor Salvago uno dei migliori investigatori a livello nazionale, ha voluto premiarlo per il suo impegno».

Nei primi mesi del 2019, spiega la questura, la squadra mobile di Catania ha raggiunto il risultato di 331 arresti, tra i quali 13 latitanti. Dal 2013 a oggi, tra gli arresti eccellenti portati a termine dal reparto diretto da Salvago si segnalano quello di Nuccio Mazzei (nel 2015) e Concetto Bonaccorsi (nel 2017). Il primo era ricercato da aprile 2014, quando era riuscito a sfuggire al blitz Scarface della guardia di finanza di Catania, ed è stato catturato a Ragalna, dov'era nascosto — disarmato — insieme alla moglie. Un vero e proprio capo, con un rispetto viscerale e profondo per il padre, Santo 'u Carcagnusu. Il secondo, conosciuto come 'u caratedduè stato trovato nel giardino di una villetta di due piani in provincia di Pistoiamentre era intento ad armeggiare con un braciere, la carbonella e una graticola. Si è pentito nel 2018.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.