Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scenario pubblico, gli uomini-vulcano della Sciara 
Il risveglio dell'Etna e i migranti a passo di danza

Sul palco la prima assoluta dello spettacolo della compagnia Petranuradanza, che coniuga radici e immigrazione, terra e oltremare. Una danza simbolica, che mette le mezzepunte anche ai piedi della montagna

C’è un terreno arido e sterile in ognuno di noi, una parte così autentica da manifestarsi solo in maniera ancestrale. È la Sciara, che ha dato nome allo spettacolo di danza di ieri a Scenario pubblico, della compagnia siciliana Petranuradanza. Alias pietra nuda, vale a dire essenza, sostanza, radici. A Catania, inevitabilmente: vulcano. Ma c’è spazio anche per la disperazione di chi arriva su un barcone.

Il palco internazionale di via Teatro Massimo lascia la scena stavolta a una compagnia conterranea. Un gemellaggio, che fonde sul palco il legame con le proprie origini e la tematica dell'immigrazione. Quest’ultima affrontata in modo esplicito, attraverso un breve monologo sugli sbarchi nel Mar Mediterraneo. «Topi. Puzzano più da vivi che da morti», canta un danzatore con indosso una maschera demoniaca. Chiaro riferimento al disinteresse sui naufragi. Argomento centrale, secondo tempo di un’apertura vetusta e geologica portata in scena da tre danzatori-vulcano

Un'immagine scolpita sul palco: a livello superiore attraverso il petto nudo che prefigura la lava esterna e visibile di un'eruzione; a livello inferiore con una gonna lunga il cui tessuto invade il pavimento, disegnando la parte montuosa del vulcano. Sembra l’Etna in danza, dato che ad essa la compagnia si ispira dalla nascita. Una coreografia animata e simbolica, che in certi momenti sembra far leva più sulle suggestioni suscitate dalle percussioni suonate magistralmente dal vivo, dal gioco delle luci o dalle stesse tematiche trattate. Su un palco dove solitamente solo la danza fa da padrona. La pièce anticipa gli appuntamenti del Fic Fest, focolaio di infezione creativa, che si svolgerà tra il 18 e il 25 maggio, tra workshop, installazioni e incontri con gli artisti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews