Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fiamme su Trapani, Palermo e Catania
Doloso l'incendio alla Riserva dello Zingaro

Continui roghi da qualche giorno stanno investendo la Sicilia. Per la maggior parte non a causa del forte caldo ma delle mani dei piromani. Come quello, il più devastante, che ha distrutto la zona naturale protetta del Trapanese. Il sindaco denuncia l'assenza di soccorsi aerei. Un testimone racconta a CTzen i disagi e la tristezza nel vedere uno dei polmoni verdi dell'isola più simile alla nerissima Etna. Dove ieri sono stati salvati 30 piccoli scout. Guarda le foto

Claudia Campese

Palermo, Trapani, Catania. Si susseguono gli incendi in vari punti dell'isola. Dovuti, per la maggior parte e secondo le prime ricostruzioni, più alla mano dei piromani che al caldo dell'estate. A Bellolampo, nel Palermitano, le fiamme che hanno avvolto la discarica di rifiuti sono durate per sette giorni. Ieri, sull'Etna, un gruppo di scout composto da 30 bambini e sei guide è stato salvato appena prima che il rogo scoppiato a Linguaglossa investisse il loro rifugio. Solo alcuni delle decine di incendi scoppiati sull'isola negli ultimi giorni. Nessuno, però, grave come quello che ha coinvolto la provincia di Trapani, dove domenica sera le fiamme hanno distrutto la riserva naturale orientata dello Zingaro. «Mi rendo conto che domenica in Sicilia c'erano numerosi incendi e che la situazione era piuttosto seria – commenta Matteo Rizzo, sindaco di San Vito Lo Capo, Comune nel quale ricade la zona protetta - ma è inconcepibile che una delle più belle riserve della Sicilia, oltre che la più antica, vada in fumo senza che si alzi un dito». O meglio, senza che nemmeno un mezzo aereo si levi in volo, denuncia il primo cittadino. «Adesso l'allarme è rientrato – dicono amari dal comando dei carabinieri di Trapani – Ma solo perché ormai non c'è più nulla da bruciare».

[slideshow exclude="9"]

L'incendio è scoppiato nel tardo pomeriggio di domenica. «Le fiamme sono iniziate proprio all'interno della riserva dello Zingaro – spiegano i carabinieri– E si sono propagate dal basso verso l'alto». Poi da lì, complice il vento, lungo il resto della costa  e tra i Comuni di Macari, Castelluzzo, Custonaci e Castellammare del Golfo. «Siamo abbastanza certi che si tratti di un atto doloso – continuano dal comando provinciale – perché c'erano parecchi focolai». Subito sono stati evacuati i cittadini delle vicine abitazioni e le centinaia di turisti in vacanza al villaggio Calampiso. «La riserva dello Zingaro è andata in fumo», il commento a caldo del sindaco Rizzo. Che denuncia l'assenza di maggiori soccorsi – in aiuto a vigili del fuoco, protezione civile e corpo forestale - in una situazione drammatica. «Non sono intervenuti i mezzi Canadair né i mezzi aerei. Gli unici che avrebbero potuto fermare le fiamme. Le nostre richieste sono cadute nel vuoto».

Disagi anche per i cittadini e villeggianti evacuati e per le attività commerciali della zona. C'è chi ha perso l'aereo, chi è rimasto bloccato sulle strade lambite dalla fiamme e chi si è trovato isolato. «La rete telefonica, anche mobile, ha smesso di funzionare - racconta Salvatore Ciambra, che da vent'anni trascorre le sue estati a San Vito Lo Capo – Non si poteva nemmeno usare il bancomat». Solo ieri, all'indomani dell'incendio, si è avvicinato alla zona della riserva per scattare qualche foto. Ad accoglierlo, «un gruppo di volontari della protezione civile dall'aria abbattuta – continua - E anche a me, a vedere quello spettacolo, è venuto un groppo alla gola». I cartelli con le indicazioni sono stati coperti con un annuncio: «Riserva chiusa per incendio». Ancora ieri la cenere cadeva sul mare. «Sulla strada di ritorno, da Castelluzzo a Palermo, sono passato attraverso le montagne, tutte bruciate – continua – Mi è sembrato di essere sull'Etna». «Un conto è quando la natura ci punisce, come a Giampilieri dove possiamo dire di averla provocata con la cementificazione – conclude Ciambra - Ma un altro è quando una persona parte da casa sua per andare ad appiccare un incendio. E' triste».

[Foto di Salvatore Ciambra]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews