Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Linguaglossa, un incendio al deposito della Camedil
Danni e mezzi distrutti, bloccata raccolta dei rifiuti

Le fiamme hanno devastato il ricovero dei veicoli della società che si occupa della nettezza urbana nel centro. Secondo i primi accertamenti il rogo sarebbe doloso. Il sindaco Salvo Puglisi ha comunicato ai cittadini il blocco del servizio. Guarda le foto

Francesco Vasta

Un incendio ha devastato nella notte il deposito dei veicoli della Camedil Srl, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Linguaglossa. I mezzi si trovavano nella rimessa dell’ex cantina Ave, sulla strada statale 120, all’ingresso del paese. Lo spazio era stato affidato dall’ex provincia di Catania al Comune di Linguaglossa per essere trasformato in isola ecologica.

Sul posto, dopo l’allarme arrivato alle prime luci dell’alba, sono intervenuti i vigili del fuoco del locale distaccamento. Secondo i primi sommari accertamenti, le cause del rogo sarebbero dolose, ma tutto deve ancora trovare conferma. Da valutare c'è la presenza di un vero e proprio buco nella parete della struttura, dal quale potrebbero essere entrati uno o più malviventi. Ingenti i danni: tutti i piccoli autocarri usati per il porta a porta dalla Camedil, circa sei o sette, sarebbero andati distrutti. Le fiamme, arrecando anche seri danni al fabbricato, hanno però risparmiato un autocompattatore, parcheggiato fuori dalla rimessa. Distrutte le telecamere di sorveglianza all'interno della rimessa.

La Camedil si occupa dell’appalto della nettezza urbana a Linguaglossa dal settembre del 2018. Il sindaco Salvo Puglisi e l’assessore al ramo Francesco Malfitana hanno con rammarico comunicato alla cittadinanza il blocco del servizio di raccolta. Per questa settimana soltanto domani e venerdì verrà ritirato l'umido, giovedì nessuna raccolta, sabato il ritiro del secco. Si punta a far tornare il servizio alla normalità lunedì 13 maggio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×