Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, cane avvelenato dopo un giro alla Gazzena
«Vomito dopo la passeggiata, ha lottato con la morte»

La padrone dello sfortunato Ulisse ha presentato una denuncia contro ignoti. Il suo meticcio ha rischiato la vita per un boccone forse ingerito la domenica di Pasqua, durante la solita sgambata nella Timpa acese. «Era pollo, assieme a una sostanza scura»

Carmelo Lombardo

A distanza di una quindicina di giorni, Giusi ha potuto sporgere denuncia contro ignoti ai carabinieri di Acireale . Ulisse – questo il nome del meticcio – è un cane da pet terapy. Per lui la domenica di Pasqua si stava trasformando in una tragedia, dopo la consueta passeggiata alla Gazzena. «Intorno alle 11.30 sono andata col cane nella riserva naturale, all’altezza di Capo Mulini, per la solita passeggiata. Siamo rientrati a casa, era andato tutto come sempre». Due ore però inizia l'incubo: «La mia coinquilina mi ha contattata dicendomi che il cane era in preda alle convulsioni». La lotta tra la vita e la morte del suo amico a quattro zampe è stata causata da un boccone avvelenato ingerito durante il solito giro nel cuore della Timpa acese. Giusi, alla denuncia, ha allegato il referto medico che chiarisce come Ulisse – il nome del meticcio di sei anni – l'abbia scampata bella.

«Ero a pranzo e quando sono rientrata, due ore dopo la passeggiata - racconta la ragazza - Ulisse ha vomitato due volte ciò che che aveva ingerito. Era pollo, cosa abbastanza insolita visto che il cane mangia solo i propri croccantini. C'è anche una sostanza di colore scuro, forse il veleno». Fortunatamente sono bastate le cure di una clinica veterinaria per salvargli la vita. Giusi porta il suo cane a passeggiare tra la vegetazione della Gazzena due volte alla settimana , da circa un anno a questa parte. Stando a quanto sostiene, non le era mai capitato niente del genere prima d’ora.

«Siamo in tanti a portare i cani lì – continua - e di solito vediamo sempre un pastore che fa pascolare delle pecore . Quando succede, richiamo Ulisse e gli rimetto il guinzaglio onde evitare che possa dare fastidio agli animali». Quella domenica però il gregge era lontano. Così Giusi decide di lasciare libero il suo cane usato per la pet terapy. «Con Ulisse andiamo nelle scuole e aiuta nell'interazione anche bambini affetti da autismo. Essendo abituato ad accettare, non mi sorprenderebbe che qualcuno gli abbia dato da mangiare senza che lui opponesse resistenza».

Giusi però non ha potuto individuare gli autori del fatto: «Non so chi possa essere stato – sostiene – e neppure se Ulisse possa dare fastidio a qualcuno. Qualche mese fa avevo sentito dire che qualcuno era forse  stanco che nella zona ci fossero diverse persone che portavano lì i propri cani, ma naturalmente non punto il dito contro nessuno». Dopo questa brutta esperienza Giusi e il suo meticcio non vanno più alla Gazzena: «Sto spargendo la voce il più possibile . Dico a tutti quelli con cui ci ritroviamo per far passeggiare i nostri cani di non frequentare più quel posto» .

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.