Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dissesto, salta la scadenza per il bilancio equilibrato
Riunione a Palazzo degli elefanti per valutare i tagli

Al di là della mera ragioneria, presto arriverà il momento in cui dovrà essere la politica a decidere. Stamattina in Comune si terrà un vertice tra l'amministrazione e i direttori dei vari uffici municipali, per avere finalmente un prospetto delle spese

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

I servizi di accompagnamento per disabili e anziani sono saltati; quelli di assistenza igienico-sanitaria sono stati confermati fino a fine maggio, ma poi si vedrà; per la gara settennale della raccolta dei rifiuti (ormai in dirittura d'arrivo) si sono dovuti fare i conti al centesimo. I primi effetti del dissesto si vedono sulle fasce sociali più deboli e sull'igiene urbana, ma si estenderanno a macchia d'olio ad altre categorie sociali e a ulteriori servizi offerti ai cittadini. «Non ci sono soldi» viene ripetuto come un mantra, da tutti. E, nel frattempo, le prime scadenze saltano: non si potrà rispettare, per esempio, quella sulla presentazione del bilancio stabilmente riequilibrato

Le entrate certe e le uscite, al momento, non sono in pari. Né è possibile che lo siano. Non senza gli interventi chiesti al governo dopo tutti gli incontri con la viceministra all'Economia Laura Castelli: lo stop quinquennale alla restituzione delle anticipazioni di tesoreria, la rinegoziazione degli interessi dei mutui e delle rate dei prestiti. Insomma, senza che da Roma qualcuno si impegni, per il Comune di Catania saranno lacrime e sangue. Perfino più di adesso. Stamattina a Palazzo degli elefanti i vertici dell'amministrazione comunale incontreranno i direttori dei vari uffici. L'obiettivo è capire dove si può tagliare, suddividendo le spese in servizi obbligatori, indispensabili e opzionali. Ed è su questo punto che la politica dovrà prendere decisioni al di là della mera ragioneria. Oltre i calcoli, scegliere cosa cancellare e cosa supportare saranno valutazioni che la giunta dovrà ponderare bene e che, inevitabilmente, potrebbero provocare accuse ferocissime nei confronti dell'amministrazione. 

Capitolo a parte merita poi la ricognizione della massa passiva portata avanti dall'organismo straordinario di liquidazione: il termine per la presentazione delle domande è stato prorogato dal 23 aprile al 23 maggio. Arrivata questa scadenza, dopo un approfondimento tecnico (anche per stabilire l'ammissibilità dei debiti), si potrà sapere a quanto ammontano - concretamente - le passività del Comune di Catania. Dopo ancora si deciderà se aderire a una delle due procedure di rientro dal dissesto previste dalla legge: se quella tradizionale o quella semplificata. Quest'ultima il ministero dell'Economia la definisce una sorta di «concordato preventivo», equiparando l'ente pubblico a un'azienda privata, e permette di liquidare il dovuto in una misura compresa tra il 40 e il 60 per cento

Nel frattempo, l'Assemblea regionale siciliana non ha ancora approvato la concessione dell'anticipazione ai Comuni nella stessa situazione di Catania. Una delle pietre dello scandalo della lite, trasformatasi in rottura plateale all'interno di Forza Italia, tra il sindaco di Catania Salvo Pogliese e il presidente dell'Ars Gianfranco Micciché. «Quello che ha fatto ancora grida vendetta», diceva il primo cittadino a MeridioNews proprio riferendosi al ritardo a portare in aula, a Palazzo dei Normanni, il provvedimento regionale ormai esitato dalla commissione Bilancio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.