Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La rivincita di Fabio Sciacca passa dal beach soccer
«Felice di ciò che ho fatto: non mi sono mai arreso»

Lasciatisi alle spalle i numerosi infortuni e due anni di stop, l'atleta 30enne è pronto a prendersi il futuro. L'obiettivo è conquistare un posto in nazionale. Sul Catania: «Lì ho vissuto tante gioie. Playoff? Credo nel miracolo»

Giorgio Tosto

La voglia di non arrendersi passa anche dalla consapevolezza di avere ancora il futuro a portata di mano. Per il trentenne Fabio Sciacca, il futuro porta il nome di DomusBet Catania Beach Soccer, squadra campione d'Italia in carica giunta seconda due mesi fa al Mondiale per club di Mosca. Una vera e propria corazzata in cui lui spera di ritagliarsi un posto importante. «Lo scorso anno a Palazzolo ho fatto bene, raggiungendo la Final eight e creando legami importanti. La scelta di Catania è al momento la migliore a livello societario e personale: ho più visibilità e, facendo bene, posso anche sperare in una convocazione in nazionale. Voglio togliermi tante soddisfazioni con questa maglia - ammette il calciatore a MeridioNews - continuando a crescere e migliorarmi».

La voglia e la grinta sono quelle di un ragazzino alle prime armi che, ancora, ha tutto da conquistare. È il giusto spirito per rientrare in gioco, dopo uno stop di due anni tra 2015 e 2017 legato ai continui problemi fisici. L'esordio in Serie A a Catania avviene nel 2009: a questo fa seguito il Mondiale under 20 giocato da titolare. L'inizio di Fabio Sciacca nel grande calcio è stato un sogno, interrotto purtroppo da infortuni a catena: ai tanti problemi muscolari segue la rottura del crociato del ginocchio sinistro nel 2012, con un altro intervento l'anno successivo quando era giunto il trasferimento a Terni in Serie B. Un calvario che non si ferma neanche a Vicenza, a causa di un problema allo scafoide del piede sinistro. Quindi lo stop di quasi due anni e la ripresa a Castrovillari: poi Sancataldese e Palazzolo (sia calcio a 11 in Eccellenza che beach soccer).

Una caduta che per molti poteva significare la fine dell'attività agonistica. Non per lui: «Non mi è mai pesato il fatto di dover ripartire. Quando mi sentivo dire di essere finito - afferma Sciacca - e che non avrei più potuto correre, l'umore andava parecchio giù. Ma non mi sono mai abbattuto, sono stato zitto e ho ricominciato a lavorare». Rimettersi in condizione alla soglia dei 30 anni è una grande vittoria. «Mi reputo fortunato. Ho ripreso a giocare con continuità e, ancora, ho tutto il tempo per raggiungere grandi traguardi. È una scommessa con me stesso: non volevo arrendermi al fatto di non poter neanche più fare una corsa con gli amici: è stata una sfida». Gli interrogativi su cosa avrebbe potuto essere la sua carriera senza gli infortuni rimangono: Fabio Sciacca, però, pensa a tutto ciò che è riuscito a vivere.

«Ho toccato livelli molto alti per qualche anno. Mi tengo stretto - afferma il calciatore - tutto quello che ho fatto: è difficilissimo anche solo arrivarci, in Serie A». Sfogliare l'album dei ricordi parlando di Calcio Catania, poi, è quasi naturale: «È sempre stata la mia casa e la mia famiglia: non c'è cosa più bella di poter esordire con la maglia della propria città. Il ricordo più bello? Sicuramente - ribadisce Sciacca - la fascia di capitano contro il Napoli (3-1 nel maggio 2009, ndr): in rossazzurro sono passati tanti campioni e ho vissuto molte gioie, anche semplicemente stando in panchina». Un'ultima speranza riguarda i playoff che, a breve, saranno affrontati dalla squadra di Andrea Sottil: «Bisogna prendere come esempio il Cosenza dell'anno scorso. Non era favorito ma ha vinto. Comincia un campionato a parte: io ci credo - conclude Fabio Sciacca - spero nel miracolo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.