Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Morìa di pesci a Ponte Barca, scatta la denuncia
«Nuotavano nel fango, colpa dello svuotamento»

Una manovra di manutenzione dell'invaso sul fiume Simeto avrebbe avuto gravi ripercussioni sulla fauna ittica della riserva. A lanciare l'allarme è il presidente di Fipsas Catania Salvatore Signorello. Prudenza dal dipartimento Acque e Rifiuti. Guarda le foto

Salvatore Caruso

«La fauna ittica che vive nell'invaso di Ponte Barca è in grande sofferenza a causa del suo svuotamento». A lanciare l'allarme il presidente della Fipsas di Catania (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) Salvatore Signorello. Gli attivisti si sono accorti dell'accaduto mercoledì e prontamente hanno segnalato il tutto alla Città metropolitana di Catania - cui compete la riserva naturale paternese - rivolgendosi alla polizia provinciale. «Sono state abbassate le paratie - ha proseguito Signorello - e dunque l’invaso è stato per ore senza acqua, francamente non abbiamo capito il perché. Abbiamo monitorato l’afflusso dell’acqua e ci siamo accorti che scendeva solo fango, dove sono state costrette a nuotare le tante specie del posto come anguille, carpe, tigne e carassi».

Secondo Signorello, chi ha disposto l’abbassamento delle paratie avrebbe dovuto comunicarlo all'ex Provincia, alla protezione civile o alla polizia provinciale. «Se lo avessimo saputo saremmo intervenuti in soccorso della fauna ittica – ha proseguito il presidente Fipsas - mentre adesso non ci resta che presentare un esposto come guardie ittiche e rivolgerci alla Procura di Catania per la morìa di fauna ittica che si è verificata a Ponte Barca. Ci sono anche migliaia di uova di carpe che ormai saranno distrutte perché sono state senz'acqua». L’acqua sarebbe comunque ritornata nell'invaso già nella tarda serata di mercoledì. L’abbassamento della paratie avrebbe interessato circa due chilometri del fiume Simeto provocando, a detta di Signorello, «la morte di una quantità di pesci che da una stima visiva andrebbe da un minimo di 50 a circa 500 unità. Molti riuscivano a pescare i pesci che nuotavano nel fango direttamente con le mani».

L’invaso di Ponte Barca, ricadente nel territorio di Paternò è gestito dal dipartimento regionale Acque e Rifiuti. «La manovra rientra nella manutenzione ordinaria che per legge siamo obbligati a compiere periodicamente - ha detto Francesco Greco, dirigente del dipartimento - ed è la prima volta che ci viene segnalato un fatto del genere, non abbiamo alcun precedente». Greco dichiara di voler accertare realmente cosa sia avvenuto: «La morìa della fauna ittica potrebbe anche essere collegata a un numero eccessivo numero di pesci rispetto a quanti l’habitat ne possa realmente contenere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×