Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via S. G. La Rena, pattumiera a cielo aperto
Il Comune: «Colpa degli abitanti incivili»

La lunga via che collega il quartiere di San Giuseppe La Rena al lungomare Playa è piena di rifiuti di ogni genere. Di proprietà della provincia di Catania, lì il Comune non provvede a posizionare dei cassonetti, ma assicura che la pulizia viene effettuata regolarmente. I residenti intanto protestano: «È da inizio giugno che la strada non viene pulita». «Ma sono proprio loro che sporcano», sostiene Annamaria Li Destri, a capo della direzione Ecologia e ambiente del Comune etneo. Guarda le foto

Buste di immondizia sui cigli della strada. Vecchi frigoriferi, lavatrici arrugginite e materassi dismessi a fare da guard rail. Così appare via San Giuseppe La Rena, nel tratto denominato Strada provinciale 53 che collega il quartiere omonimo con i lidi playa del viale Kennedy. Il problema è noto alla Provincia di Catania a cui appartiene la strada e al Comune etneo al quale appartengono i rifiuti che in essa si trovano. E che assicura che «la pulizia avviene regolarmente».

«La strada è provinciale, certo, e come ogni anno a inizio della stagione balneare a giugno è stata ripulita dalle erbacce e i rifiuti ai bordi della strada prelevati con una ruspa. Poi più nulla», denuncia Marilisa Tornabene, che abita proprio in questa strada. La pulizia è durata poco più di una settimana, garantita anche «da una videocamera posizionata vicino al castello D'Urso Somma, che faceva da deterrente», aggiunge. Ma già da metà luglio la situazione era simile a quella odierna.

[slideshow exclude="14"]

«Gli abitanti si lamentano, ma dimenticano di dire che sono loro stessi a gettare i rifiuti per strada», afferma Annamaria Li Destri, a capo della direzione Ecologia e Ambiente del Comune. «Quello che facciamo è vano perché la cura della cosa pubblica, specialmente in zone come queste, non esiste», accusa la direttrice comunale. La colpa sarebbe quindi degli «abitanti incivili che trovano più comodo mettere l'immondizia in un sacchetto e depositarlo per strada». Cosa che capita anche per i rifiuti ingombranti. Per la Li Destri la lotta è impari: «Da un lato ci sono Comune e Provincia e dall'altro il cittadino». Accuse che a Marilisa sembrano però inverosimili.

«Ci sono poche famiglie che abitano in questa strada e tutte sono abituate alla mancanza di cassonetti nel corso dell'anno - afferma la giovane residente - Ed escludo che siano gli abitanti dei vicini villaggi di San Francesco La Rena, perché in quella zona ci sono sia i cassonetti che la raccolta differenziata». L'unica spiegazione plausibile al problema, secondo Marilisa, sono quindi le numerose auto di passaggio, che quotidianamente ritornano dai lidi del lungomare playa cariche di rifiuti.

Lungo tutto il tragitto del resto non c'è traccia di cassonetti. Una condizione che non giustifica l'inciviltà di chi lascia lì i propri rifiuti e di certo non agevola i residenti. «La strada è provinciale e non ci sono cassonetti perché il Comune non ha le risorse economiche che ci vorrebbero - dichiara la Li Destri - Quelle per sette metropoli, non per una».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×