Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Per i precari di Milo il posto fisso diventa realtà
Dall'incubo del licenziamento alla stabilizzazione

Ai sette impiegati non era stato rinnovato il contratto nel 2014. Un'escamotage nella finanziaria regionale li riportò a lavoro. Adesso la firma definitiva. «Poniamo rimedio a una scelta scellerata rispettando impegno morale», commenta il sindaco Alfio Cosentino

Francesco Vasta

Dal baratro del licenziamento-beffa, all'agognato contratto a tempo indeterminato. Sono finiti i lunghi anni sulle montagne russe dei sette lavoratori precari del Comune di Milo, gli unici in tutta l'Isola a cui, nel 2014, non venne rinnovato il contratto di pubblico impiego. Una circostanza inedita: per l'ampio bacino dei dipendenti a tempo determinato in Sicilia, la conferma del posto avuto al tempo delle vacche grasse si ripete, da decenni, di stagione in stagione, in attesa delle stabilizzazioni pian piano entrate a regime negli ultimi anni.

Un ciclo che, a Milo, si era clamorosamente interrotto per scelta dell'ex sindaco Giuseppe Messina. Si disse allora che le casse del piccolo comune dell'Etna (a stento di mille abitanti) non potevano più sostenere il pagamento dei loro stipendi, in totale circa 120mila euro l'anno. Che, come ricordano da anni gli stessi protagonisti, in realtà erano somme a carico della Regione. Scattarono le proteste, l'occupazione del municipio, e una mini-bagarre politica tra l'uscente primo cittadino e il suo successore, Alfio Cosentino. Per lui i precari non andavano mandati a casa. «Con il lavoro non si scherza, la politica non è un'arma da usare contro qualcuno», dice oggi il sindaco di Milo firmando i loro sette contratti definitivi. Il tempo indeterminato è diventato realtà in forza delle ultime norme sul precariato varate dal governo regionale.

«Abbiamo rispettato l'impegno morale a recuperare questi lavoratori rimediando a una scelta scellerata, per il nostro Comune è un momento felice», aggiunge Cosentino. Dal 2015 al 2017 i precari di Milo l'impiego lo avevano perso davvero e il percorso per cancellare la mancata proroga sembrava tanto nebuloso. Poi, con un emendamento all'ultima finanziaria del governo Crocetta, l'acrobazia normativa della «continuità giuridica» consentì di recuperare il rapporto di lavoro fra il Comune e gli impiegati licenziati sì, ma di fatto non espulsi dal bacino del precariato regionale. A sostenere trasversalmente l'escamotage i deputati Ars di ben cinque forze politiche, dal Pd al Movimento 5 stelle, passando per Forza Italia, centristi e Area popolare.

Qualche giorno fa, in municipio, la firma dei contratti è stata accompagnata da foto di rito, abbracci e sorrisi. «Non credevamo più che potesse finire così bene», ammettono gli ormai ex precari. I sette lavoratori riequilibrano i pensionamenti che stanno riducendo il già piccolo contingente di dipendenti del Comune di Milo. «Con la loro stabilizzazione - sottolinea il presidente del consiglio Antonio Arcidiacono - abbiamo reso un servizio ai cittadini, assicurando l'attività degli uffici senza costi aggiuntivi. Fondamentale è stato ripristinare la continuità assunzionale - conclude Arcidiacono - interrotta dall'ex sindaco Messina con una scelta arbitraria e priva di ogni logica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.