Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, tentano di rubare liquori da un magazzino
La polizia monitora e arresta cinque pregiudicati

Si tratta di Orazio Giovanni Signorelli, Giuseppe Zappalà, Santo Ravasco, Rosario Puglisi e Gioacchino Orazio Palazzolo. I quattro più giovani sono entrati nel capannone per portare via le bevande alcoliche. Ad aspettarli in macchina il più anziano del gruppo. Guarda le foto

Redazione

Cinque uomini vestiti di scuro con guanti, berretti e zainetti sulle spalle. Così si sarebbero abbigliati per rubare liquori e altre bevande alcoliche conservati all'interno di un capannone nella zona Carrubba di Giarre. La polizia, per impedire il furto, ha messo in atto un servizio di osservazione che ha permesso anche di cogliere i flagranza i cinque che sono stati arrestati, tutti pregiudicati.

Giuseppe Zappalà

Orazio Signorelli

Rosario Puglisi

Gioacchino Orazio Palazzolo

Si tratta di Orazio Giovanni Signorelli (classe 1958); Giuseppe Zappalà (classe 1994) già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale; Santo Ravasco (classe 1994) già agli arresti domiciliari; Rosario Puglisi (classe 1991), e Gioacchino Orazio Palazzolo (classe 1992) ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di tentato furto aggravato. A Ravasco viene contesta anche l'evasione, mentre a Zappalà pure l’inosservanza degli obblighi della misura della sorveglianza speciale

Nell’ambito delle attività investigative, condotte dalla squadra mobile catanese, nella serata dell’8 maggio, è emerso che Signorelli - soggetto con precedenti penali per reati contro il patrimonio - insieme agli altri componenti del gruppo, avrebbe dovuto commettere il furto. Così, il personale della sezione rapine e della sezione contrasto al crimine diffuso ha predisposto di monitorare il perimetro dello stabilimento e le possibili vie di fuga. Nel corso dell’osservazione, gli agenti hanno notato l'arrivo dell'auto di Signorelli con a bordo altri quattro uomini. Scesi dall’auto, la macchina si è allontanata. 

I quattro sono entrati nel capannone, mentre Signorelli controllava il possibile arrivo delle forze dell’ordine. Dopo alcune ore, durante le quali si sentivano provenire dall’interno rumori di flex e colpi di martello, è scattato il sistema di allarme dello stabilimento che ha messo in fuga i quattro, poi caricati a bordo della macchina da Signorelli.

Fermati, i cinque sono stati sottoposti a perquisizione dai poliziotti e trovati in possesso di svariati arnesi per lo scasso, di chiavi e telefoni cellulari per mettersi in contatto tra loro. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, a Signorelli, Ravasco, Puglisi e Palazzolo è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere, mentre a Zappalà la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×