Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cannizzaro, inaugurato nuovo reparto Malattie infettive
Il direttore Iacobello: «È il più all'avanguardia in Italia»

La struttura è dotata di undici posti letto ad alto isolamento. L'obiettivo è quello di evitare il passaggio dei pazienti dal Pronto soccorso. Intanto, si torna a parlare del futuro dell'ex presidio ospedaliero Vittorio Emanuele 

Gabriele Patti

«Il reparto più all’avanguardia in Italia. Soprattutto nell’ambito di patologie altamente contagiose quali tubercolosi e meningite». Sono queste le parole usate dal primario Carmelo Iacobello per descrivere il nuovo reparto di Malattie infettive dell’ospedale Cannizzaro, inaugurato oggi al centro congressi del presidio ospedaliero. Un’occasione per dimostrare che la Sicilia può garantire un’assistenza sanitaria di elevato profilo «grazie - continua il primario - a una struttura che si caratterizza per un concetto moderno e attuale di assistenza a pazienti con patologie altamente contagiose».

Istituzioni, sindacati e medici del comparto. Tutti presenti per celebrare una realtà all’avanguardia e unica nel suo genere. Una delle aree di isolamento ad alto rischio infettivo più avveniristiche d’Italia, dotata di elevate conoscenze umane e tecnologiche. Alla conferenza presenti il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza e il sindaco di Catania  Salvo Pogliese. A rappresentare il presidio ospedaliero il direttore dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Malattie infettive, Carmelo Iacobello e il direttore dell’azienda ospedaliera, Salvatore Giuffrida.

L’unità diretta da Carmelo Iacobello - ex responsabile dell’analogo reparto all’ospedale Ferrarotto - esisteva già, ma è stata ristrutturata e riorganizzata secondo criteri di elevato isolamento. Dotata di undici posti ad alto isolamento, di cui uno riservato a patologie ad alta diffusibilità, la struttura prevede l’accesso diretto del paziente potenzialmente infetto che, non transitando dal Pronto soccorso, eviterà il rischio di compromettere la salute di altri utenti. Un’area che consente un miglior management e una maggiore tutela dei pazienti. «Nel 2017 - prosegue Iacobello - solo a Catania abbiamo avuto circa 110 casi di morbillo. Molti di questi venivano trattati al Pronto soccorso rappresentando un pericolo per l’utenza. Ma da oggi non sarà più così».

Secondo il presidente della Regione siciliana, «il centro rappresenta un’assoluta novità nell’Italia meridionale». Ma i piani di Palazzo d’Orleans non si fermano qui: «Siamo attenti - sostiene Musumeci - anche alla riqualificazione dell’edilizia sanitaria». Dal nuovo ospedale di Siracusa al Cervello di Palermo passando per la trasformazione dell’ex presidio ospedaliero Vittorio Emanuele in polo museale della medicina. «Solo così - conclude il presidente - riusciremo a recuperare tanti anni di arretrato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.