Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, l'immobile dell'Esa resta preda del degrado
Il Comune lo vuole in comodato per farci una piazza

Il vecchio cancello all'ingresso della struttura di via Canonico Renna è collassato aumentando la preoccupazione dei residenti. Dopo i lavori di due anni fa, il percorso verso il riutilizzo del bene sembra essersi arenato. L'accordo con la Regione deve ancora chiudersi

Salvatore Caruso

Sono trascorsi esattamente due anni da quanto, grazie ad una intesa raggiunta tra il comune di Paternò e l’Ente regionale per lo sviluppo agricolo (Esa) furono effettuati dei lavori di messa in sicurezza dell’immobile ubicato in via Canonico Renna. Da allora più nulla. Nessun altro passo avanti per il riutilizzo della struttura rimasta in piedi e dello spazio limitrofo, oltre 2000 metri quadrati. Si era parlato di riuso grazie a un'intesa tra i due enti pubblici: il comune avrebbe infatti potuto disporre in comodato d’uso gratuito dell’intera area. A rilanciare l’ipotesi di uno adeguato utilizzo dell’area è il presidente dell’Associazione socio-culturale San BiagioSante Chinnici. «Ci chiediamo ancora che cosa si voglia fare di una struttura - ha detto - da sistemare in modo tale da riqualificare il quartiere».

Le condizioni dell'ingresso prima del crollo

Nel contempo, però, il degrado la fa da padrone. L'ultimo elemento a cedere è stato il cancello d’ingresso in ferro. Da tempo si trovava in equilibrio precario, tenuto in piedi addirittura con delle corde. Il fatto era stato segnalato tempo addietro agli uffici comunali. A quanto sembra però né il Comune si è attivato in sostituzione dell'Esa e neppure l'ente è stato sollecitato a intervenire. Fra venerdì e sabato, così, il cancello è collassato. Fortuna ha voluto che il cancello è all'interno dell’area perimetrale dell’immobile e non sulla strada, ossia via Canonico Renna, strada molto frequentata anche dagli alunni della vicina scuola primaria. 

Da ieri la zona è delimitata da un nastro bianco e rosso. «Fortunatamente non è successo nulla di grave - ha detto un madre che stamane accompagnava il figlio a scuola - e spero solo che venga al più presto messa in sicurezza e recuperata tutta la zona». L’assessore comunale alla Manutenzione Luigi Gulisano ha però specificato «Non appena ci è giunta la segnalazione siamo prontamente intervenuti, la seconda anta del cancello era in bilico e l’abbiamo messa a terra per evitare problemi».

L'assessore fa sapere che domani in mattinata dovrebbero intervenire gli operai incaricati dall’Esa. «Confermo - aggiunge poi Gulisano - che ci sono contatti in corso con la Regione per il riutilizzo dell’area in comodato uso gratuito. Lo scopo è approntare un adeguato piano per recuperare l’area dando al quartiere una piazza come da tempo i residenti chiedono, uno spazio da usare anche come punto di raccolta di protezione civile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.